La società olandese Crucell, specializzata nello sviluppo di vaccini, ha reso noto di aver iniziato un programma di ricerca per la messa a punto di un vaccino universale per l'immunizzazione contro il  virus respiratorio sinciziale (RSV). Il vaccino anti RSV verrà messo a punto per prevenire le infezioni causate dai ceppi più comuni del virus. Questo programma di ricerca fa parte di una collaborazione strategica di Crucell con Johnson & Johnson.

Il VRS è la causa più diffusa di infezione virale dell'apparato respiratorio nell'infanzia. Fu isolato per la prima volta nel 1956 in una scimmia affetta da raffreddore e nel 1957 fu individuato in due neonati affetti da infezione dell'apparato respiratorio.

E' responsabile di diversi quadri clinici, come infezioni del tratto respiratorio superiore (riniti, faringiti, tonsilliti), infezioni del tratto respiratorio inferiore (bronchiolite o polmonite), la Sudden Infant Death Syndrome (SIDS), il wheezing ricorrente postinfettivo o asma dell'infanzia e la polmonite a cellule giganti in soggetti con deficit dell'immunità a cellule T.

Negli anni '80 è stato stimato che il VRS abbia determinato il ricovero di circa 100mila bambini all'anno negli USA, con un costo di circa $300 milioni. Anche nell'età adulta il VRS guida la classifica delle cause di ricovero per affezione respiratoria acuta.