Lundbeck e Solvay hanno annunciato la decisione di interrompere ogni attività di ricerca e di sviluppo clinico per bifeprunox, un farmaco sperimentale  in sviluppo per la terapia della schizofrenia.
Ala luce dei dati della fase III le aziende hanno valutato che sarebbe stato "futile" proseguire lo sviluppo del farmaco.
I dati di efficacia sono stati deludenti e non supportavano il proseguimento dello sviluppo del farmaco.<<
Bifeprunox è un antipsicotico atipico di nuova generazione che agisce come agonista dei recettori 5-HT1A della serotonina e come agonista parziale dei recettori per la dopamina, disegnato per normalizzare i livelli di attività chimica cerebrale. Il meccanismo d'azione del farmaco è simile a quello di aripiprazolo.<

Bifeprunox è stato studiato in oltre 2.500 pazienti affetti da schizofrenia arruolati nel corso di 14 trials. La molecola è stata messa a punto da Solvay. Nell'agosto del 2007, l'Fda aveva respinto la richiesta di registrazione chidedno maggiori informazioni sul metabolismo del farmaco.