Amazon si butta nei farmaci da banco. Una concorrenza che spaventa le catene di farmacie americane

Negli Stati Uniti, Amazon ha iniziato a commercializzare le versioni generiche di farmaci da banco molto noti e utilizzati come Advil, Mucinex e Nicorette. Il più grande negozio del mondo ha lanciato una linea esclusiva di prodotti OTC chiamata "Basic Care", che comprende 60 referenze tra cui antidolorifici, antiacidi e trattamenti per la ricrescita dei capelli, e viene prodotta in esclusiva per Amazon dall'azienda Perrigo.

Negli Stati Uniti, Amazon ha iniziato a commercializzare le versioni generiche di farmaci da banco molto noti e utilizzati come Advil, Mucinex e Nicorette. Il  più grande negozio del mondo ha lanciato una linea esclusiva di prodotti OTC chiamata “Basic Care”, che comprende 60 referenze tra cui antidolorifici, antiacidi e trattamenti per la ricrescita dei capelli, e viene prodotta in esclusiva per Amazon dall’azienda Perrigo.

La linea rappresenta una possibile minaccia per le catene di farmacie di vendita al dettaglio, come CVS Health, Walgreens Boots Alliance e Rite Aid, che già da tempo stanno sperimentando una riduzione del giro d’affari per via dell’aumento degli acquisti di prodotti OTC online, anche su Amazon.

Amazon ha riferito di avere avuto l'approvazione regolatoria in una dozzina di stati americani per fare affari come distributore di farmaci all'ingrosso, e gli analisti della banca d'investimento Leerink Partners hanno detto che è solo una questione di tempo prima che il gigante dell’e-commerce assuma un ruolo significativo in questo settore.

Una minaccia per le farmacie americane (per ora)
Le farmacie americane fanno business quando le persone entrano per acquistare farmaci e finiscono per comprare cosmetici e altri beni a margine più elevato. Stanno già accusando una riduzione degli affari per via dell’aumento degli acquisti online. Dare ai pazienti un motivo in più per non andare nei negozi, potrebbe creare loro grossi problemi.

«È un mondo molto diverso, e avere Amazon come concoirrente non è un buon segno per i marchi esistenti, perché Amazon ha la capacità di intraprendere iniziative anche non redditizie per un certo tempo, per vedere come vanno le cose» ha detto Matthew Oster, responsabile della ricerca sulla salute del consumatore presso la società di ricerche di mercato globale Euromonitor International.

«E il fatto che abbiano quasi il monopolio nell'e-commerce dà loro un ampio margine per scendere a un prezzo inferiore, e questo aspetto dovrebbe riguardare chiunque sia un loro concorrente in quel settore», ha affermato.

Amazon ha focalizzato l'attenzione sui settori in cui gli americani spendono i loro soldi, e un grosso capitolo di spesa è proprio la salute. La spesa sanitaria negli Stati Uniti è aumentata del 4,3% nel 2016 a $ 3,3 trilioni, o $ 10.348 a persona, secondo i dati del governo. «Amazon vuole essere parte delle spese quotidiane di tutti», ha dichiarato Matt Sargent, vicepresidente della società di consulenza Magid. «Gli alimentari sono al centro della loro attenzione, ma la spesa sanitaria è un'altra grande fonte di spesa che Amazon ha nel mirino».

Gli scettici sostengono che gli ostacoli normativi nell'assistenza sanitaria potrebbero essere troppo alti anche per Amazon. Ma la vendita di farmaci OTC con marchio privato, anche se dotati di meno appeal di alcune marche, potrebbe essere comunque un modo molto più semplice per irrompere nel mercato della salute.

Secondo Euromonitor, l'industria farmaceutica OTC con marchio privato nel 2017 è cresciuta del 31%, raggiungendo gli 8,4 miliardi di dollari. Dato che, secondo i dati Nielsen, i prodotti di marca hanno dominato tutte le categorie tranne la cessazione del fumo, significa che non manca lo spazio di crescita dei farmaci a marchio privato.

Le abitudini di acquisto stanno già cambiando
Amazon vende già farmaci di marca OTC come Advil, Mucinex e Nicorette, oltre a prodotti del marchio generico GoodSense di Perrigo. Questi prodotti sono tutti soggetti ai prezzi fluttuanti dei concorrenti. Tutt’altra cosa è invece il controllo di margini e prezzi per il suo marchio esclusivo.

I marchi private label per la salute hanno infatti margini più ampi rispetto ai corrispettivi di marca, e i negozi possono mantenere i prezzi relativamente vicini a quelli di marca, facendo in modo che siano comunque meno costosi. Amazon può utilizzare il suo metodo ipercollaudato per ottenere margini di profitto sottilissimi e offrire un prezzo inferiore alla concorrenza.

Per fare un esempio, un flacone da 500 compresse di ibuprofene Basic Care da 200 mg costa $ 6,98 su Amazon, in linea con il prezzo del marchio privato Equate venduto da Walmart, ma quasi la metà della media di $ 12,41 di Walmart, CVS Health, Walgreens e Rite Aid.
Lo scorso anno, le vendite di prodotti farmaceutici venduti direttamente ad Amazon sono cresciute di circa il 55%, secondo quanto rilevato da One Click Retail. GoodSense, la linea a marchio privato di Perrigo, è stato il brand più venduto. Nicorette, Align, Advil, Boiron, Mucinex, Hyland's e Zyrtec erano gli altri marchi più richiesti.

Come il mercato si sta preparando all’ingresso di Amazon
Secondo alcuni, solo perché Amazon offre il prezzo più basso, non significa necessariamente che le farmacie siano condannate a soccombere. Di solito i consumatori non si riforniscono in anticipo di farmaci per il raffreddore e di antiacidi. Invece, tendono ad aspettare fino a quando non ne hanno davvero bisogno, e quindi si rivolgono al negozio più vicino.

Inoltre potrebbe volerci diverso tempo perché le persone modifichino radicalmente le loro abitudini di acquisto.
Le catene CVS, Walgreens e Rite Aid, cercando di aumentare i servizi per i clienti e di dare alle persone ulteriori motivi per continuare a frequentare i negozi, hanno tutti creato cliniche walk-in, ovvero strutture convenienti per il trattamento di patologie comuni, di solito gestite da infermieri e assistenti medici, in grado di prescrivere farmaci sintomatici.

Ai dirigenti sanitari viene spesso chiesto cosa significhi la minaccia di Amazon per il proprio business e come si stanno preparando. Il gigante dell'e-commerce ha già devastato molti settori commerciali, pensiamo solo alle librerie, e i rivenditori di farmacie si stanno preparando. Le tre maggiori catene americane, CVS, Walgreens Boots Alliance e Rite Aid, sono impegnate in progetti di acquisizione e fusione, forse in parte per proteggersi da Amazon.

CVS ha annunciato a dicembre l'intenzione di acquisire la società di assicurazioni sanitarie Aetna per $ 69 mld, per creare un sistema sanitario integrato in grado di offrire ai clienti un supporto completo in ambito salute.

Un portavoce di Walgreens ha detto che la società non ha commenti sulle mosse della concorrenza nel private label, ma ha sottolineato che ha già un portafoglio di marchi molto apprezzati.
Il Wall Street Journal ha riferito la scorsa settimana che Walgreens starebbe valutando l’acquisizione del distributore farmaceutico AmerisourceBergen.

Pochi giorni fa la catena alimentare Albertsons ha detto che è interessata ad acquistare la parte di Rite Aid che non viene venduta a Walgreens.