A circa undici anni dal suo ingresso nel gruppo, Lamberto Andreotti è stato nominato Vicepresidente mondiale del colosso farmaceutico Bristol Meyer Squibb. Andreotti, informa una nota dell'azienda, si trasferirà negli USA, divenendo responsabile dell'azienda per Europa, Asia-Pacifico e Africa e responsabile globale di Mead Johonson Nutritionals e Conva Tec.

"Dal suo ingresso in BMS, Andreotti ha sempre dato un contributo di alto profilo - ha commentato con soddisfazione il chairman mondiale del Gruppo Peter Dolan - e il business europeo si e' fortemente sviluppato, raggiungendo performance significative in aree strategiche come l'AIDS, l'oncologia, la cardiologia"

Il figlio del nostro ex Presidente del Consiglio è nato a Roma nel 1950, si è laureato in Ingegneria nell' Università della capitale e ha conseguito un master al Mit di Boston. Comincia a lavorare nella Ctip del gruppo Bastogi, passando poi alla Finmeccanica (Iri), dove gli viene affidata la responsabilita' del business development, con un ufficio a New York.

Nel 1982 si trasferisce alla Recordati come responsabile del corporate development. In seguito entra a fare parte dei consigli di amministrazione di questa società farmaceutica e di alcune delle sue affiliate. E infine, nell' aprile del 1990, approda alla Farmitalia Carlo Erba.
Da qui l'esperienza era proseguita in KABI Pharmacia e poi in Pharmacia & Upjohn in cui erano confluite le attività di Farmitalia. Poi nel 1998 Andreotti approda in BMS, in cui diventa l'amministratore delegato della filiale italiana per poi passare a ruoli di coordinamento europei. Adesso è diventato il numero due.