Zoetis, l’unità di Pfizer dedicata alla salute degli animali, sta preparando un’Offerta Pubblica Iniziale o IPO (dall'inglese Initial Public Offering) che potrebbe valere 100 milioni di dollari. Lo riporta l’azienda in un comunicato, specificando che si tratterebbe della quotazione di un 20% della proprietà. La IPO è un'offerta al pubblico dei titoli di una società che intende quotarsi in borsa per la prima volta.

L'operazione potrebbe concludersi per la prima metà del 2013, data entro la quale la casa madre Pfizer trasferirebbe a Zoetis tutte le sue attività legate agli animali.

La nuova società avrà 9mila dipendenti e una presenza commerciale in 120 paesi. La divisione animal health di Pfizer è la più grande al mondo in questo particolare settore della salute, dedicato alla cura degli animali da allevamento e da compagnia. Lo scorso anno Zoetis ha generato ricavi per 4,184 miliardi di dollari, +17% sull’anno precedente.

Pfizer detiene circa il 20% del mercato mondiale dei farmaci veterinari che si stima valga circa 20 miliardi di dollari. Dopo il gigante americano, nel mercato dei farmaci per uso animale, vi  sono anche Merck, che registra un fatturato annuo di $3,25 miliardi e Lilly, che segue con $1,67 miliardi.

Pfizer sta cercando di valorizzare al massimo lo spin off di questa divisione che, secondo gli analisti del  Credit Suisse, avrebbe un valore complessivo compreso tra  $14.7 mld e $18.4  mld.