Sanofi Aventis ha rafforzato una collaborazione con la biotech Regeneron iniziata nel 2007 . Da qui al 2017 finanzierà con 160 milioni di dollari l'anno la ricerca su nuovi anticorpi monoclonali.
Cosa porta a casa Sanofi con questo accordo? Anticorpi monoclonali a gogo. In soli due anni le molecole sviluppate e già in clinica sono cinque, tra cui un nuovo anti NGF studiato per il dolore, attualmente in fase II. Si prevede che da qui al 2017 ne possano essere messi a punto tra i 30 e i 40.

Se la ricerca produrrà anticorpi monoclonali che verranno immessi sul mercato, Regeneron dovrà girare la sua quota di profitti per rimborsare Sanofi la metà dei costi per lo sviluppo clinico. Dopo il 2012, Sanofi avrà il diritto di ridurre il finanziamento a $120 milioni l'anno.
Nel 2007 Sanofi ha acquisito il 19% di Regeneron sborsando $312 milioni. Nel 2011, l'azienda francese potrà aumentare la sua quota al 25% e salire successivamente al 30%. Si è anche impegnata a tenersi le azioni almeno fino al 2017.