La britannica AstraZeneca ha finalizzato la cessione del centro di ricerche britannico di Alderley Park situate nel nord del regno Unito. La decisione fa parte della nuova strategia annunciata lo scorso anno da Pascal Soriot, il nuovo ad, di concentrare la ricerca a Cambridge, nel nuovo insediamento che conterrà anche le finzioni commerciali.

Il centro ricerche, per fortuna, non sarà chiuso, ma è stato ceduto al Manchester Science Parks, un ente misto, pubblico privato, che cercherà di sviluppare il centro ricerche, che occupa ben 400 acri, quale parco

Lo spostamento di tutta la ricerca Britannica di AstraZeneca nel nuovo centro di Cambridge fa parte di un piano di riorganizzazione globale volute da Seriot che comporterà la perdita di circa il 10% della forza lavoro. Il piano comporterà inizialmente oneri aggiuntivi per 2,5 miliardi di dollari.

La cessione de centro di Alderley Park comporterà per AstraZeneca un onere iniziale di $275 milioni anche se i termini complessivi dell’accordo non sono stati resi noti.

AstraZeneca  ha reso noto che: "il sito di Alderley Park rimarrà una sede centrale per la nostra società, con uno staff di 700 persone che rimarrà nel sito e che non si occuperà direttamente di ricerca e sviluppo, anche dopo la transizione a Cambridge. Globalmente, AstraZeneca continuerà ad avere una presenza moto significativa nel nord ovest del Regno Unito, con un’occupazione di circa 3mila persone, distribuite tra Alderley Park, il centro produttivo di Macclesfield e il centro per la produzione dei vaccini di MedImmune che si torva a Speke”.