AstraZeneca pensa al takeover di Medivation? Possibile affare da $10 mld

Gira voce di un interesse di AstraZeneca per la Medivation per la quale si ipotizza che l'azienda britannica potrebbe lanciare presto un'offerta di $ 10 miliardi. La biotech californiana č una preda interessante visto che possiede i diritti di marketing degli Stati Uniti per l'anticancro Xtandi (di cui Astellas possiede i diritti in Europa), un farmaco il cui principio attivo č l'enzalutamide, sempre pių utilizzato per il cancro della prostata in fase avanzata.

Gira voce di un interesse di AstraZeneca per la Medivation per la quale si ipotizza che l'azienda britannica potrebbe lanciare presto un'offerta di $ 10 miliardi. La biotech californiana č una preda interessante visto che possiede i diritti di marketing degli Stati Uniti per l'anticancro Xtandi (di cui Astellas possiede i diritti in Europa), un farmaco il cui principio attivo č l'enzalutamide, sempre pių utilizzato per il cancro della prostata in fase avanzata.

Nelle settimane scorse un'offerta di Sanofi era stata respinta da Medivation, che l'aveva giudicata inadeguata. Si dice anche che Sanofi starebbe valutando un'Opa ostile, rivolgendosi direttamente aglio azionisti e non pių al management.
Un accordo potrebbe avere senso per AstraZeneca che ha necessitā di potenziare la propria pipeline e che   il secondo la promessa fatta dal CEO Pascal Soriot intende raddoppiare il fatturato entro la fine del decennio.

Medivation ha un gioiello attraente in Xtandi, che darebbe a qualsiasi acquirente un ritorno immediato, e una pipeline che potrebbe produrre valide prospettive a pių lungo termine.

Tra i farmaci in pčileline da segnalare l'anticancro talazoparib i cui promettenti dati di fase I sono appena stati presentati a New Orleans al congresso annuale dell'American Association for Cancer Research. Associatao a chemioterapia a basse dosi, talazoparib ha determinato una risposta obiettiva nel 57% delle 40 donne con tumore dell'ovaio  trattate col farmaco.

Altro prodotto interessante di Medivation č pidilizumab, studiato per il linfoma diffuso a grandi cellule B, attualmente in fase II, anche se di recente l'Fda ne ha chiesto la momentanea sospensione degli studi.