Business

AstraZeneca punta sulle terapie cellulari e aumenta la partecipazione in Cellectis

AstraZeneca ha aumentato la sua partecipazione in Cellectis, annunciando lunedì di aver acquistato altri 140 milioni di dollari in azioni del produttore francese di terapie cellulari nell'ambito di un accordo precedentemente annunciato per lo sviluppo di farmaci genetici per un'ampia gamma di malattie.

AstraZeneca ha aumentato la sua partecipazione in Cellectis, annunciando lunedì di aver acquistato altri 140 milioni di dollari in azioni del produttore francese di terapie cellulari nell'ambito di un accordo precedentemente annunciato per lo sviluppo di farmaci genetici per un'ampia gamma di malattie.

Secondo i termini dell'accordo, la casa farmaceutica britannica acquisterà 28 milioni di azioni Cellectis a 5 dollari l'una, un premio del 67% circa rispetto al prezzo di chiusura di 2,99 dollari di venerdì. L'accordo conferisce ad AstraZeneca una partecipazione complessiva del 44% in Cellectis. Mark Dunoyer, responsabile della divisione malattie rare di AstraZeneca, e Tyrell Rivers, direttore esecutivo dello sviluppo aziendale, sono entrati a far parte del consiglio di amministrazione di Cellectis.

L'investimento fa parte di un accordo di partnership stipulato tra AstraZeneca e Cellectis lo scorso novembre. AstraZeneca ha effettuato un investimento azionario di 80 milioni di dollari allo stesso prezzo, oltre a un pagamento in contanti di 25 milioni di dollari, per avviare l'accordo. Ma la seconda tranche dell'investimento, annunciata lunedì, era soggetta all'approvazione delle autorità di regolamentazione, dei dipendenti e degli azionisti di Cellectis.

L'accordo prevede un'ampia alleanza per sviluppare fino a 10 terapie geniche e cellulari per il cancro, l'immunologia e le malattie rare. Per ciascuno di questi programmi, Cellectis potrebbe ricevere una quota di opzione non specificata e da 70 a 220 milioni di dollari in potenziali pagamenti di milestone.

La partnership rappresenta una spinta finanziaria per Cellectis, che ha perso quasi tutto il suo valore azionario dalla quotazione in borsa negli Stati Uniti nel 2015. L'azienda è specializzata in terapie cellulari derivate da donatori, o "allogeniche", per la cura del cancro e nel corso degli anni ha stretto collaborazioni con l'azienda farmaceutica francese Servier e con Allogene, spinout di Pfizer con sede negli Stati Uniti.

Le terapie allogeniche sono considerate un'alternativa potenzialmente conveniente alle terapie cellulari personalizzate prodotte a partire dalle cellule del singolo paziente. Tuttavia, hanno avuto difficoltà ad eguagliare i risultati ottenuti dalle terapie personalizzate nei tumori del sangue, inducendo alcuni sviluppatori - tra cui Allogene, partner di Cellectis - a modificare i piani di sviluppo o a orientarsi verso la ricerca sulle malattie autoimmuni.

In una nota ai clienti, Jack Allen, analista di Baird, ha dichiarato che il completamento dell'accordo è "positivo", in quanto garantirà le operazioni di Cellectis almeno fino al 2026. Inoltre, Cellectis non dovrà utilizzare fondi propri per lavorare sui farmaci oggetto dell'accordo.

Nel corso di una conferenza stampa del febbraio 2024, Pascal Soriot, CEO di AstraZeneca, ha inquadrato il patto con Cellectis come parte di una serie di accordi che comprendono quelli con Neogene Therapeutics, Quell Therapeutics e Gracell Biotechnologies. Ha inoltre acquisito la biotecnologia di editing genico LogicBio, nonché programmi di terapia genica in fase iniziale e tecnologie correlate da Pfizer. Grazie a questi accordi, AstraZeneca ha stabilito le capacità per espandere il suo programma di terapie cellulari nei tumori solidi, nei candidati non disponibili e nelle malattie immunitarie.