AstraZeneca taglia 1150 posti in Usa

Business
La società farmaceutica britannica AstraZeneca ha deciso di ridurre la propria forza lavoro Usa di 1150 unità. La decisione fa parte di un piano di ristrutturazione e colpirà informatori medici e manager addetti alla vendita. La decisione verrà finalizzata entro il prossimo mese di febbraio.

Questi tagli, pari al 24% del personale di vendita impiegato in Usa, si aggiungono ai 400 già comunicati lo scorso mese di ottobre che si riferivano a personale dei quartier generali dell’azienda, situato nel Delaware. I costi per la ristrutturazione saranno dell’ordine di 50-100 milioni di dollari.

Le difficoltà dell’azienda risiedono nei tanti brevetti in scadenza e nella difficoltà di portare nuovi farmaci sul  mercato. Per AstraZeneca la “patent cliff” sarà infatti particolarmente ripida perché entro il 2016 l’azienda perderà la copertura brevettuale di Crestor, Seroquel e Nexium.

A livello mondiale, AstraZeneca attualmente impiega 61mila persone di cui 14mila impiegati in Usa. Alla fine del 2006 i dipendenti erano 66mila. In questi anni, accanto al taglio dei posti di lavori in Europa e Usa si sono affiancate assunzioni nei paesi in via di sviluppo, India e Cina in primis. Entro il 2014, l’azienda ha decisione di ridurre la forza lavoro di 10,.400 unità , con lo scopo di risparmiare circa 1 miliardo di dollari  l’anno.

ZS Associates, una società di consulenza specializzata nel settore farmaceutico, prevede che nei prossimi due anni il numero complessivo di informatori medici americani debba scendere  a circa 65mila unità, quasi il 40% in meno rispetto al picco di 104mila unità taccato nel 2006. Nel nostro paese la situazione non è molto diversa.