Business

Bayer risolve il contenzioso legato al Roundup di Monsanto. Pagherà oltre $10 miliardi 

Per porre fine a migliaia di cause legali legate all'acquisizione della Monsanto e del Roundup il diserbante a base di glifosato, Bayer pagherà tra i 10,1 e i 10,9 miliardi di dollari - il più grande risarcimento nella storia del settore farmaceutico.

Per porre fine a migliaia di cause legali legate all'acquisizione della Monsanto e del Roundup il diserbante a base di glifosato, Bayer pagherà tra i 10,1 e i 10,9 miliardi di dollari - il più grande risarcimento nella storia del settore farmaceutico. I fondi per la transazione provengono dal free cash flow e dalla dismissione di Bayer Animal Health.

Le cause intentate a Bayer si sono basate sull’assunto che Roundup, il cui principio attivo è il glifosato, abbia causato il linfoma non Hodgkin in alcuni utilizzatori del diserbante. La società ha sempre negato che il prodotto causi il cancro, una posizione sostenuta anche dalla U.S. Environmental Protection Agency.

"Innanzitutto, l'accordo Roundup è l'azione giusta al momento giusto perché Bayer ponga fine a un lungo periodo di incertezza", ha dichiarato Werner Baumann, amministratore delegato di Bayer. "Risolve la maggior parte delle attuali richieste di risarcimento e mette in atto un chiaro meccanismo per gestire i rischi di potenziali controversie future. È finanziariamente ragionevole se considerato a fronte dei rischi finanziari significativi di un contenzioso pluriennale e continuo e dei relativi impatti sulla nostra reputazione e sul nostro business. La decisione di risolvere il contenzioso Roundup ci consente di concentrarci completamente sull'offerta di prodotti sanitari e alimentari. Inoltre, restituirà la conversazione sulla sicurezza e l'utilità degli erbicidi a base di glifosato all'arena scientifica e normativa e all'intero corpo scientifico".

In aprile, Bayer in occasione dell'assemblea annuale degli azionisti, Baumann aveva ottenuto un voto di fiducia schiacciante. La dimostrazione di sostegno è arrivata un anno dopo che gli investitori avevano dato un voto di sfiducia nella leadership di Bayer, e in particolare per Baumann che ha contribuito a guidare l'acquisizione di Monsanto nel 2018 con l'aiuto dell'ex presidente Werner Wenning. Quest’ultimo ha ufficialmente dato le dimissioni all'assemblea annuale dopo 54 anni di collaborazione con la società, consegnando la posizione di vertice a Norbert Winkeljohann due anni prima del previsto.

I termini dell'accordo
L'azienda effettuerà un pagamento da 8,8 a 9,6 miliardi di dollari per risolvere l'attuale controversia Roundup, compresa un'indennità prevista per coprire le richieste di risarcimento non risolte, e 1,25 miliardi di dollari per sostenere un accordo di classe separato per affrontare potenziali controversie future.

L'azienda risolve anche il contenzioso su dicamba, un vecchio erbicida, con il pagamento fino a 400 milioni di dollari e con il pagamento di circa 820 milioni di dollari risolve la maggior parte delle controversie per i danni causati all’ambiente dalla commercializzazione di prodotti a base di policlorobifenili (PCB) tra gli anni ’30 e gli anni ’70 dello scorso secolo.

I querelanti inclusi nell'accordo sono quelli sottoscritti con gli studi legali che hanno guidato il Roundup federal multi-district litigation (MDL) e comprendono The Miller Firm of Virginia, lo studio Baum Hedlund Aristei & Goldman di Los Angeles e lo studio Andrus Wagstaff di Denver, Colorado. Complessivamente, l’accordo riguarda  circa il 95% dei casi attualmente in corso di giudizio, e stabilisce valori e parametri chiave per guidare la risoluzione del resto delle richieste man mano che le negoziazioni avanzeranno. La risoluzione mette anche in atto un meccanismo per risolvere in modo efficiente le potenziali richieste di risarcimento future.

Nasce un comitato di esperti indipendente
L'accordo toglierà dalla decisione delle giurie qualsiasi futura scoperta sulle richieste di risarcimento per cancro, ha detto la Bayer. Invece, verrà creato un "panel scientifico" indipendente. Il gruppo di esperti scientifici determinerà se il Roundup può causare il linfoma non Hodgkin e, in caso affermativo, a quali livelli minimi di esposizione.  Sia i querelanti nella class action che Bayer saranno vincolati dalla determinazione del Class Science Panel.  Se il Class Science Panel stabilirà che non esiste un nesso causale tra il Roundup e il linfoma non Hodgkin, i membri della class, action non potranno rivendicare il contrario in qualsiasi controversia futura contro Bayer.

Bayer ha dichiarato che la determinazione del Class Science Panel richiederà probabilmente diversi anni e che i membri della classe non saranno autorizzati a procedere con le richieste di Roundup prima di tale determinazione. Inoltre non potranno chiedere danni punitivi, ha detto Bayer.

Bayer potrà tornare a programmare il proprio futuro
Gli investitori finanziari che finora hanno subito grosse perdite a causa delle difficoltà legali di Bayer potranno adesso tirare un sospiro di sollievo. Chiudere la battaglia legale con un esborso di 10 miliardi di dollari sarebbe una vittoria per la Bayer, che dopo l'acquisizione di Monsanto, attraverso la quale ha ereditato il Roundup, ha perso quasi il 40 per cento della sua capitalizzazione.

Le cause intentate a Bayer si basano sull’assunto che Roundup, il cui principio attivo è il glifosato, abbia causato il linfoma non Hodgkin in alcuni utilizzatori del diserbante. La società ha sempre negato che il prodotto causi il cancro, una posizione sostenuta anche dalla U.S. Environmental Protection Agency.

Finora, però Bayer ha perso i tre processi che si sono conclusi con un totale di 191 milioni di dollari di danni, anche se la società sta ancora ricorrendo in appello. Dopo che le perdite in tribunale della Bayer hanno stimolato un'ondata di nuove cause, investitori come la Elliott Management Corp. hanno esortato la società a cercare un accordo globale.

Altre class action miliardarie
L’accordo in contanti della Bayer si avvicina agli 11 miliardi di dollari, ed è il più grande mai registrato per un’azienda farmaceutica, sopravanzando quello da 10 miliardi di dollari che Purdue ha soglato alla fine dell'anno scorso per porre fine alle sue cause sugli oppioidi.

Tuttavia, il posto della Bayer in cima a questa lista nera potrebbe essere di breve durata, dato Teva sta negoziando un accordo sugli oppioidi che potrebbe superare i 23 miliardi di dollari di valore, anche se la maggior parte di questi sarà legata a donazioni gratuite di farmaci.

SEZIONE DOWNLOAD