Ely Lilly, Merck e Pfizer uniscono le forze per accelerare la ricerca e migliorare le cure contro il carcinoma gastrico e quello polmonare in Asia. Le tre aziende hanno infatti appena annunciato la costituzione dell' Asian Cancer Research Group (ACRG), un gruppo indipendente no-profit dedicato alla ricerca su queste due neoplasie, che sono tra le più comunemente diagnosticate nel continente asiatico.

La formazione dell'ACRG rappresenta un primo esempio di una tendenza emergente alla collaborazione tra grandi aziende che mettono in comune le loro risorse e competenze per aumentare rapidamente le conoscenze su questi tumori e sui processi fisiologici che ne sono alla base. In particolare, l'obiettivo ultimo è quello di accelerare la scoperta di nuovi farmaci, condividendo liberamente i risultati con la comunità scientifica.

Inizialmente, gli sforzi si concentreranno sul cancro dello stomaco e quello del polmone, Circa il 40% dei pazienti in Asia presentano una mutazione dell'EGFR, relativamente rara in quelli dei Paesi occidentali e responsabile delle differenze nella risposta ad alcuni antitumorali. Questa evidenza suggerisce la necessità di differenti approcci di ricerca, e quindi terapeutici, per sviluppare farmaci adatti a diverse popolazioni di pazienti.
In alcuni Paesi asiatici il carcinoma gastrico ha raggiunto proporzioni quasi epidemiche e, nonostante l'incidenza relativamente bassa nel mondo occidentale, rappresenta tuttora la seconda causa di morte per tumore nel mondo, con oltre 630.000 decessi all'anno, più di quanti se ne registrano negli Stati Uniti per tutte le forme di cancro messe insieme.

"Si pensa che alle base delle notevoli differenze nei sottotipi molecolari e nell'incidenza dei diversi tipi di tumore in Asia e nelle altre regioni del mondo vi siano fattori genetici e ambientali" ha spiegato Neil Gibson, a capo della ricerca oncologica di Pfizer. "Nonostante i progressi fatti negli ultimi anni nella comprensione e nel trattamento di queste neoplasie, le cure disponibili non sono affatto proporzionate ai bisogni!.

Ely Lilly, Merck e Pfizer si sono impegnate a creare nei prossimi due anni uno dei più ampi database ad oggi esistenti sulla farmacogenomica dei tumori. Il database conterrà dati relativi a circa 2.000 campioni tissutali prelevati da pazienti colpiti da carcinoma gastrico e polmonare, che saranno resi pubblici e accessibili da parte dei ricercatori. Nel tempo, a questi si aggiungeranno anche dati clinici derivanti dall'analisi longitudinale dei pazienti. Il confronto tra profili genici diversi di questi tumori potrà fornire informazioni preziose per sviluppare nuovi approcci terapeutici.