Nel corso di un meeting con gli investitori, il management di Biogen Idec ha presentato le line guida per lo sviluppo della società e, tra le altre cose, ha comunicato che nel 2009, per la prima volta, le vendite di Tysabri (natalizumab) hanno superato il miliardo di dollari, con una crescita del 30% sull'anno precedente.
L'azienda stima che alla fine di dicembre i pazienti con sclerosi multipla in cura con il farmaco fossero 48.800, di cui circa la metà residenti in Usa e il resto negli altri paesi.

L'azienda ha anche comunicato di aver depositato all'Emea il dossier registrativo di Fampridine-PR (4-aminopyridine), un nuovo farmaco studiato per migliorare la capacità di camminare dei pazienti con sclerosi multipla. Il dossier del farmaco è oggetto della revisione da parte dell'Fda
La pipeline di Biogen Idec comprende oltre 20 programmi in fase media e avanzata (fase II e successive) di sviluppo clinico e l'azienda sta pianificando  una serie di attività per la gestione del cilco di vita di farmaci come  Avonex (interferon beta-1a) e Rituxan (rituximab).

Entro la prima metà del 2010 inizierà uno studio registrativo per un nuovo farmaco per la cura dell'emofilia B. Si tratta di una versione a lunga durata di azione della proteina di fusione ricombinante costituita dal fattore IX di coagulazione del sangue umano connesso al dominio Fc dell'IgG1 umana.