Biogen Idec e Genentech, società interamente posseduta da Roche, hanno raggiunto un nuovo accordo circa la loro collaborazione inerente lo sviluppo degli anticorpi che hanno come bersaglio il CD20, in particolare  ocrelizumab.

Genentech sosterrà il 100% dei costi dello sviluppo di questi farmaci. Biogen riceverà royalties a due cifre (tra il 13.5% e il 24%) sulle future vendite di ocrelizumab, un farmaco attualmente in fase II per la sclerosi multipla (lo sviluppo nell'artrite reumatoide è stato invece interrotto).

Per quanto riguarda l'altro anti CD20, noto per ora con la sigla GA101 e sviluppato per patologie ematologiche come il linfoma non Hodgkin, Biogen adesso finanzierà il 35% delle spese di sviluppo clinico (prima la percentuale concordata era del 30%).

Inoltre, le due aziende hanno concordato che la commercializzazione di ocrelizumab non cambierà l'attuale suddivisione dei profitti prevista per rituximab.