Business

Bristol-Myers Squibb, nuovo accordo nella immuno oncologia del valore potenziale di oltre $1,7 mld

Bristol-Myers Squibb ha annunciato di aver siglato con l'americana Five Prime Therapeutics un accordo di licenza del valore potenziale di oltre 1,7 miliardi di dollari per sviluppare e commercializzare un anticorpo monoclonale noto con a sigla FPA008 che ha come bersaglio il recettore  del fattore stimolante le colonie 1 (CSF1).

Secondo l'accordo, Bristol-Myers Squibb farà un pagamento anticipato di $ 350 milioni di dollari a favore  di Five Prime Therapeutics. Inoltre, quest’ultima ha diritto a ricevere fino a $ 1,05 miliardi al superamento di milestones prefissate.

L’espressione del gene del fattore stimolante le colonie 1 (CSF1) è elevata nella maggior parte dei tumori tenosinoviali a cellule giganti. Questa osservazione ha portato alla scoperta e allo sviluppo clinico della terapia mirata al recettore CSF1 ( CSF1R ).

"Bloccando un mediatore chiave dell’immunosoppressione nel microambiente tumorale, l'inibizione CSF1R con FPA008 rappresenta un potenziale importante meccanismo di azione immuno-oncologico complementare agli anticorpi diretti contro le cellule T dirette e molecole co-stimolatorie della nostra pipeline", ha commentato Francesco Cuss, chief scientific officer di Bristol-Myers Squibb.

Bristol-Myers Squibb già collabora con Five Prime, tanto è vero che è in corso uno studio clinico di Fase 1a / 1b per valutare la combinazione immunoterapica di FPA008 con nivolumab, l’inibitore checkpoint immunitario PD-1 sviluppato da BMS. Lo studio sta valutando l’associazione dei due farmaci nel tumore del polmone non a piccole cancro (NSCLC), melanoma, tumore della testa e del collo, cancro al pancreas, cancro colorettale e glioma maligno.

Five Prime ha anche iniziato la sperimentazione di FPA008 su pazienti con artrite reumatoide e sta anche perseguendo  l’indicazione nella sinovite villonodulare pigmentosa (PVNS). Si tratta di una  malattia  invalidante,  una  forma  di  tumore  che  non  da luogo a metastasi se non in pochi casi finora riportati, tuttavia rappresenta una esigenza medica insoddisfatta  visto gli scarsi risultati ottenuti con le terapie comunemente impiegate.

Five  Prime  Therapeutics  (FPRX)  è  una  compagnia farmaceutica americana  dedita  principalmente allo  sviluppo  di  terapie  basate  su  anticorpi  o  altri  farmaci  sviluppati partendo da proteine extracellulari o frammenti di proteine che inibiscano i  processi  evolutivi  della  malattia.  L'ambito  nel  quale  si  muove  la compagnia è principalmente quello dell'oncologia e del trattamento delle malattie autoimmuni.     

La  capacità  di generare candidati alla  clinica  è stata  finora la  sola  via di sostentamento  della  compagnia,  ad  eccezione  dell'emissione  di  azioni, non  avendo  alcun  farmaco  in commercio.  A  giugno  2014,  il  totale degli incassi  derivanti  da  collaborazioni  con  altre  case  farmaceutiche  ha permesso di incassare circa 270 milioni di dollari.    
Dal 2002 a giugno 2014, Five Prime ha accumulato deficit per 170 milioni di dollari.    
Five Prime si è affacciata al mercato Nasdaq attraverso una IPO avvenuta nel 2013 che si è chiusa con un'offerta di 4,8 milioni di azioni al prezzo di 13$/azione, per un introito lordo di 62,4 milioni di dollari. Adesso le azioni valgono quasi 17 dollari.   

http://www.fiveprime.com/pipeline/fpa008

SEZIONE DOWNLOAD