Business

Bristol- Myers Squibb taglia 300 posti in Amylin

A nemmeno un anno di distanza dalla sua acquisizione, Bristol-Myers Squibb ha annunciato il taglio di 300 dipendenti di Amylin, attualmente operanti nella sede californiana. Nel giugno dello scorso anno, con un esborso di $5,3 miliardi, la società venne comprata da Bms e da AstraZeneca che si sono equamente suddivise gli oneri finanziari.

Dai 1.250 dipendenti iniziali, già scesi a 1.100, adesso si passerà a circa 800. Entro il marzo del 2015, il quartier generale di Amylin, situato a La Jolla, nelle vicinanze di San Diego, verrà definitivamente chiuso.
Amylin Pharmaceuticals è una società biofarmaceutica impegnata nella discovery, sviluppo e commercializzazione di farmaci per il trattamento del diabete e dell’obesità. Attualmente i farmaci dell’azienda già in commercio sono tre: Symlin (pramlintide acetate), Byetta (exenatide) e Bydureon (exenatide extended-release).

Nel 2011 l’azienda aveva generato un fatturato di 650 milioni di dollari, che potrebbero arrivare a un massimo di 1,5 miliardi grazie alla formulazione settimanale di exenatide che prende il nome di Bydureon.

SEZIONE DOWNLOAD