Celgene firma accordo con Jounce Therapeutics e si rafforza nell'immunoncologia

Celgene ha raggiunto un accordo triennale di collaborazione del valore di 2,5 miliardi di dollari con Jounce Therapeutics, biotech specializzata nell'immunoncologia.

Celgene ha raggiunto un accordo triennale di collaborazione del valore di 2,5 miliardi di dollari con Jounce Therapeutics, biotech specializzata nell’immunoncologia.

Il candidato di punta di Jounce, JTX-2011, ha come target una proteina sulla superficie di alcune cellule che si ritiene possano stimolare una risposta immunitaria contro il cancro. Il farmaco, che è in fase di sviluppo per il trattamento di tumori solidi, da solo e in combinazione con altre terapie, dovrebbe entrare in sperimentazione clinica entro la fine dell’anno.

In base all’accordo Jounce riceverà un pagamento anticipato di 225 milioni di dollari da Celgene per la possibilità di sviluppare congiuntamente JTX-2011 e altre molecole.

Celgene, inoltre, investirà 36 milioni di dollari in Jounce in cambio di una quota di minoranza non specificata.

L’investimento di Celgene arriva un anno dopo la dichiarazione dell’azienda di voler investire circa un miliardo di dollari in Juno Therapeutics, che sta lavorando sempre nel campo dell’immunoterapia.

“L’immunoncologia negli ultimi cinque anni ha avuto un enorme impatto sui pazienti, ma ne beneficia ancora una minoranza “, ricorda Richard Murray, CEO di Jounce.
La tecnologia di Jounce si concentra sui marcatori biologici dei tumori per far corrispondere meglio le terapie ai pazienti. “L’approccio non è quello di riproporre i farmaci immunologici in oncologia, quanto piuttosto capire i tumori umani e le cellule del sistema immunitario all’interno di questi tumori”, spiega Murray, che è stato coinvolto nello sviluppo dell’immunoterapico pembrolizumab di Merck .