Business

Eli Lilly riduce di un terzo la forza vendita Usa

La multinazionale Eli Lilly and Co. ha reso noto un piano di riorganizzazione che entro il primo luglio prevede l’eliminazione di circa 1.000 posizioni di informatore medico operanti sul territorio americano. La causa è da ricercarsi nell’imminente scadenza del brevetto di farmaci importanti per l’azienda come Cymbalta ed Evista.

Lilly, il cui quartier generale è a Indianapolis, negli Usa attualmente occupa circa 17.150 persone e nel mondo un totale di 38.350.

Entro la fine dell’anno l’azienda perderà la copertura brevettuale in Usa dell’antidepressivo Cymbalta che lo scorso anno ha generato un terzo delle vendite sul territorio americano ($3,92 mld su un totale Usa di $11,81 mld).

E’ facilmente prevedibile che in poco tempo le vendite di questo farmaco si ridurranno drasticamente, come è già successo per Zyprexa, che perso il brevetto Usa nel 2011, e le cui vendite sono scese dell’83% per attestarsi a $360,4 mln. Inoltre, nel 2014 in Usa scadrà il brevetto dell’antiosteoporosi Evista che lo scorso anno ha generato un fatturato di $699.5 mln.

Con questi drastici tagli del personale l’azienda conta di recuperare efficienza e di compensare almeno in parte le perdite generate dalle scadenze brevettuali. A farne le spese, come accade quasi sempre, la categoria degli informatori medici. Il taglio appena annunciato sarà in parte compensato dall’incremento della rete dedicate all’attività in diabetologia, il fiore all’occhiello di Lilly, che dovrà presto lanciare nuove molecole in parte frutto dell’alleanza di Lilly con Boehringer Ingelheim.

SEZIONE DOWNLOAD