Fidia si rafforza nella biosurgery

Fidia Farmaceutici ha siglato un accordo con Multimed, per la commercializzazione della tecnologia di Human Brain Wave, azienda di biotecnologie di Torino. "Si tratta di un protocollo innovativo di rigenerazione dei tessuti umani" - afferma Giorgio Foresti, CEO di Fidia Farmaceutici - "Fidia sta investendo in un settore ancora in evoluzione, la medicina rigenerativa applicata alla biosurgery".

Fidia Farmaceutici  ha siglato un accordo con  Multimed, per la commercializzazione della tecnologia di Human Brain Wave, azienda di biotecnologie di Torino. “Si tratta di un protocollo innovativo di rigenerazione dei tessuti umani” - afferma Giorgio Foresti, CEO di Fidia Farmaceutici - “Fidia sta investendo in un settore ancora in evoluzione, la medicina rigenerativa applicata alla biosurgery. Per noi si tratta di una sfida importante che abbiamo colto con entusiasmo, consci dell’apporto che possiamo dare alla ricerca in questo ambito a fronte di un’expertise ormai consolidata nel campo della rigenerazione dei tessuti, dove il grande protagonista è l’acido ialuronico, in tutte le sue declinazioni e usi.”

Grazie a questo accordo, Fidia rafforza la propria offerta nell’area delle bio-tecnologie con un prodotto made in Italy all’avanguardia e unico nel suo genere. Sviluppata interamente in Italia Hy-Tissue Micrograft Technology unisce un protocollo chirurgico innovativo, alle proprietà rigenerative dell’acido ialuronico, andando così a potenziare ulteriormente l’efficacia del metodo per la rigenerazione di tessuti danneggiati.

Le applicazioni potenziali di questa tecnologia “in sinergia” con l’acido ialuronico, sono numerose: si va dalla rigenerazione tissutale tout court, all’ortopedia, fino ad interessare patologie ad alto impatto sociale come ad esempio il piede diabetico. Al momento sono in corso studi preliminari che verranno presentati in anteprima al Congresso C.o.r.t.e. (Conferenza Italiana per lo studio e la Ricerca sulle Ulcere, Piaghe, Ferite e la Riparazione Tessutale) che si terrà a Roma tra il 9 e l’11 Marzo.

Hy-Tissue Micrograft Technology è un protocollo tecnico di rigenerazione dei tessuti umani, basato su una tecnologia innovativa per la selezione di microinnesti vitali a partire da una biopsia tissutale del paziente (processo interamente autologo). Il tessuto prelevato, pulito, viene posizionato all'interno di un dispositivo monouso (High Tissue Max) e immerso in una soluzione fisiologica sterile. Successivamente viene disgregato tramite migliaia di microbisturi e filtrato attraverso i fori da 50µm. Questa procedura garantisce un’altissima vitalità cellulare all’interno del micro-innesto, intorno al 90%[2] e quindi anche la buona riuscita dell’intero processo.

Dopo circa 90 secondi i microinnesti vengono recuperati e innestati nella zona da trattare, con l'ausilio di scaffold tridimensionale a base di Acido Ialuronico. La quantità di tessuto da prelevare è di circa 1 mm2 per “colonizzare” una superficie di 2 cm.

Rispettare l’omologia tissutale, ovvero la loco-regionalità, è fondamentale per l’efficacia dei microinnesti. Si tratta quindi di una tecnologia mininvasiva, caratterizzata da una semplicità d’uso tale da non richiedere alcuna“formazione specifica”. La procedura è standard, veloce e viene impiegata in un’unica fase operatoria, attenendosi alle norme di base della pratica chirurgica.

Rigenera si rivela utile in tutti i campi ove sia necessario rigenerare tessuti danneggiati sia molli che duri (cute, osso, mucose), attraverso l’uso di microinnesti, ad esempio: chirurgia plastica e ricostruttiva, chirurgia delle ustioni, piede diabetico/vulnologia, clinica ortopedica, chirurgia  generale e proctologica e clinica odontostomatologica.