I dipendenti di Bausch & Lomb forse dovrebbero iniziare a guardarsi intorno. Alla guida della società americana è appena arrivato Fred Hassan, fino a pochi mesi fa amministratore delegato di Schering-Plough e prima di ancora a capo di Pharmacia.  Visto la fine che hanno fatto le due società, entrambe vendute dopo una profonda ristrutturazione, qualche preoccupazione sarebbe più che legittima.

Hassan è un buon riorganizzatore che ha rimesso in piedi le società che si è trovato a guidare, riportandole in buona salute. Questa è probabilmente la ragione per cui gli azionisti di maggioranza di Bausch & Lomb, lo hanno voluto alla guida della società. 

Bausch & Lomb, che occupa 11mila persone, produce lenti a contatto, farmaci per uso oftalmico e strumenti chirurgici per l'oculistica. Nel 2007 fu acquisita per 3,67 miliardi di dollari dal fondo di investimento  Warburg Pincus,  di cui Hassan era diventato senior advisor.

L'azienda deve ancora fronteggiare le conseguenze legali di un brutto incidente subito nel 2006 quando una partita di lenti a contatto probabilmente contaminate causò un elevato numero di cheratiti da Fusarium, una possibile causa di cecità. Finora le cause legali sono state oltre 600 e l'azienda ha già pagato oltre 250 milioni di danni. Nel 2007 la società ha registrato vendite per 2,5 miliardi di dollari, ma dopo il problema con le lenti a contatto MoistureLoc, ha perso molto terreno. Ci sarà da fare per Hassan.