Genzyme ha annunciato il trasferimento in Irlanda di tutte le attività finali di produzione, quelle che in gergo si chiamano "fill, finish", attualmente svolte nello stabilimento di Alliston, località nelle vicinanze di Boston. In questo modo l'azienda ha ottemperato a una richiesta formale dall'Fda ("consent decree").

La struttura di Allston è uno degli stabilimenti più grandi al mondo di produzione di colture cellulari, approvato dall'Agenzia americana nel 1996. Lo scorso anno lo stabilimento era stato chiuso temporaneamente a causa di una contaminazione virale. Ora l'Fda ha chiesto il trasferimento di tutte le attività di lavorazione per i farmaci che sono venduti in Usa entro il 28 di novembre di quest'anno.

La biotech farmaceutica americana ha fatto sapere che tutte le attività finali di lavorazione dei farmaci imiglucerase (malattia di Gaucher), agalsidasi beta (malattia di Fabry), alglucosidase alfa e tirotropin alfa adesso verranno effettuate nello stabilimento di Waterford in Irlanda.

Genzyme sta lavorando con le autorità regolatorie per spostare anche le operazioni di lavorazione finale per i prodotti commercializzati al di fuori degli Stati Uniti entro il 31 agosto del prossimo anno.