Lo scorso 3 novembre, Grunenthal ha venduto alla società ungherese Gedeon Richter la propria divisione specializzata nei farmaci per la salute della donna. Con un esborso di 331 milioni di dollari Gedeon Richter è così entrata in possesso di sette contraccettivi, tra cui Belara.

Poche settimane fa, con un esborso di 156 milioni di dollari, Gedeon aveva acquisito il 100% di Preglem, casa biofarmaceutica svizzera specializzata in farmaci per favorire la fertilità femminile.

Fondata nel 1901, Gedeon Richter  è la più importante società farmaceutica ungherese. Dopo la nazionalizzazione del 1948, è stata nuovamente privatizzata nel 1994 e attualmente occupa 10.100 dipendenti. Gedeon è presente in 31 paesi e lo scopo delle ultime acquisizioni è anche di accrescere la propria presenza nei paesi occidentali. La società registra un fatturato annuo di circa 1 miliardo di euro.

Il mercato dei farmaci per la cura della donna sembra in grande fermento. Pochi gironi fa, con un esborso di 165 milioni di dollari, Teva ha acquisito da Merck KgA la divisione Theramex, specializzata in questo settore.