Business

IBSA, al via progetto di riqualificazione della sede lodigiana. Investimento di oltre €12 mln

Sostenibilità, innovazione, nuovo impulso a ricerca e sviluppo, produzione all'avanguardia e attenzione alle persone: sono questi gli elementi al cuore dell'ampio piano di riqualificazione della sede di IBSA Farmaceutici a Lodi.

Sostenibilità, innovazione, nuovo impulso a ricerca e sviluppo, produzione all’avanguardia e attenzione alle persone: sono questi gli elementi al cuore dell’ampio piano di riqualificazione della sede di IBSA Farmaceutici a Lodi.

È qui che è stato avviato il programma di rinnovamento degli edifici e del contesto urbano e sociale in cui si trova inserita l’azienda - la filiale più grande del Gruppo Institut Biochimique SA - che oggi vanta un fatturato di 250 milioni di euro, oltre 500 collaboratori e la presenza dei suoi prodotti in oltre 90 paesi nel mondo.

Alla base di tutto il progetto c’è l’approccio distintivo di IBSA: privilegiare la trasformazione dell’esistente senza occupare nuovi spazi, per trovare soluzioni migliori. Questo significa che con l’investimento previsto di oltre 12 milioni di euro si privilegerà il benessere delle persone, verranno create soluzioni più efficiente dal punto di vista energetico e maggiori saranno i benefici per l’ambiente, di cui i luoghi di lavoro sono parte integrante.

“Abbiamo intrapreso da tempo un percorso mirato a massimizzare gli effetti positivi che restituiscono benessere alla comunità, operando responsabilmente per generare non solo valore economico, ma anche progresso sociale e salvaguardia delle risorse ambientali” – afferma Arturo Licenziati, Presidente e CEO di IBSA Group. – “Abbiamo cominciato questo percorso dal nostro Headquarter a Lugano e siamo ora qui in Italia per lanciare il messaggio che noi siamo presenti in modo concreto e tangibile per dare vita a un progetto di sviluppo improntato ad un rinnovamento degli spazi, in un’ottica di sostenibilità e bellezza. È il nostro modo di essere vicini alle persone, ai nostri collaboratori, alle loro famiglie e alla comunità intera”.

Attraverso un generale ridisegno degli spazi esterni e interni, sarà realizzata una struttura nuova: è Antares – una tra le stelle più luminose del firmamento - il nome scelto a rappresentare questa nuova progettualità, improntata ai più avanzati standard di sostenibilità energetica e ambientale. Il progetto ha come obiettivo la riqualificazione di un’area complessiva di 12.200mq comprensiva delle aree di magazzino, di stabilimento, degli uffici di IBSA Farmaceutici e di un’area adiacente di nuova espansione, che darà vita a un edificio unitario e integrato.

“IBSA Farmaceutici è oggi una azienda solida e performante. Negli ultimi 5 anni ha raddoppiato il suo giro d’affari, è cambiata molto, si è evoluta ed è cresciuta nel segno dell’innovazione che ci ha portato ad espanderci a livello internazionale e ad affermarci come eccellenza del Made in Italy nel mondo. Oggi siamo una realtà scientifica ed economica di primo piano nel settore farmaceutico italiano” – spiega Luca Crippa, CEO e Managing Director di IBSA Farmaceutici. “La nuova sede è pensata per accogliere e sostenere i cambiamenti che ancora ci aspettano in futuro, un futuro che per IBSA può essere riassunto con la parola sostenibilità”.

“La presenza di una grande e innovativa realtà come IBSA nel territorio lodigiano - spiega il Sindaco di Lodi, Andrea Furegato - è connotata da un valore di assoluta rilevanza. E questo aspetto si conferma senza dubbio anche per la città di Lodi: stiamo parlando di un’impresa multinazionale del pharma che in Italia ha investito maggiormente in ricerca, sviluppo e capitale umano nell’ultimo biennio e, come Sindaco, non posso che esprimere particolare soddisfazione anche per l’opportunità fornita a molti dei nostri giovani di inserirsi nello stabilimento di Lodi dell’azienda, che rappresenta una delle più interessanti storie di crescita industriale nel Lodigiano e non solo. Un’ulteriore testimonianza di una filiera legata alla farmaceutica e alla cosmesi che si consolida sempre più nel nostro territorio. Ricerca e sviluppo sono due tra le leve strategiche per rafforzare la crescita e quello di IBSA è sicuramente un esempio virtuoso di come l’innovazione possa rappresentare un driver significativo e, insieme, un’opportunità preziosa per rendere più competitivo, a livello globale, un territorio come il nostro e il sistema industriale a cui è connesso”.

La nuova sede lodigiana di IBSA Farmaceutici, moderna e sostenibile, è disegnata per trasmettere la solidità dell’Azienda e sostenerne la crescita anche in termini di risorse umane. Il progetto architettonico e di interni è quindi pensato per accogliere un numero maggiore di collaboratori e con un approccio focalizzato al benessere delle persone, con soluzioni orientate al wellbeing a 360 gradi e tenendo conto di nuove modalità di lavoro, più attuali e flessibili.

Lo spazio è creato per essere funzionale alle nuove esigenze lavorative con open space più ampi, con il 40% circa di spazi accessori in più per il supporto alle attività lavorative quotidiane, pannelli fonoassorbenti, un light design con lampade a LED lineari e più sostenibili. La centralità e l’attenzione alle persone traspare anche nella scelta di creare spazi che possano facilitare la condivisione, il confronto, il networking e la formazione come l’Auditorium, destinato ad accogliere e accrescere le opportunità di fare rete con partner scientifici nazionali e internazionali e stakeholder.

“Il tema della responsabilità sociale è testimoniato concretamente da IBSA attraverso un impegno diretto in favore del territorio, come ho avuto modo di riscontrare personalmente nel corso della visita all’azienda che come Sindaco ho avuto l’onore e la possibilità di effettuare di recente, incontrando i vertici dirigenziali che ancora ringrazio per l’opera importante che stanno portando avanti. Ho toccato con mano i valori, il livello di innovazione, le competenze e le eccellenze di una realtà industriale attenta anche alla mobilità e alla sostenibilità ambientale e sociale, il cui progetto credo debba essere assecondato e sostenuto dentro un progetto organico di politica industriale locale. È un processo in corso che deve essere ulteriormente stimolato, continuando nella collaborazione e promuovendo investimenti per creare opportunità ancora più interessanti” – conclude Andrea Furegato, Sindaco di Lodi.