Prodotti consumer e mercati emergenti. Per Sanofi sono la chiave dell'espansione e della diversificazione del rischio. Adesso l'azienda francese ha appena siglato un accordo con la società cinese  Minsheng Pharmaceutical che le garantirà un accesso privilegiato per i propri farmaci OTC sul mercato più in crescita a livello mondiale, quello cinese. Nel 2008 tale settore valeva già 10 miliardi di dollari, ma per i prossimi 5 anni, a causa dello sviluppo economico, si prevede una crescita a due cifre, oramai impensabile dalle nostre parti.

L'accordo, i cui termini economici non sono stati resi noti, consiste nella creazione di una joint venture di cui però sanofi detiene la quota di maggioranza.
Attualmente la società Minsheng produce l'integratore vitaminico più conosciuto sul mercato cinese, il "21-Super Vita multivitamin-mineral".  L'azienda cinese però fatica a tenere il passo in un settore che ha a lungo  dominato a causa dell'arrivo delle aziende occidentali, tra cui Amway con il prodotto Nutrilite e Pfizer/Wyeth con Centrum (da noi Multicentrum).

Per sanofi è un altro tassello per la strategia di diversificazione. Lo scorso mese di dicembre aveva investito 1,8 miliardi di dollari per l'acquisizione della società americana Chattem, specializzata nei prodotti OTC.
Prima di Chatten erano venute le acquisizioni di Medley Pharmaceuticals, Symbion CP Holdings, Laboratoire Oneobiol, Kernpharma, e Laboratorios Gramon. sanofi intende raddoppiare la propria presenza nel settore OTC.