Sanofi-aventis intende ridurre del 25% la propria sales force americana, con un taglio di 1.700 posti di lavoro. Complessivamente, a livello mondiale l'azienda occupa 105mila persone. La decisione diventerà operativa entro il prossimo mese di dicembre. L'azienda intende focalizzarsi sulle tre aree a maggior sviluppo: diabete, oncologia e terapia della fibrillazione atriale.

Questa ristrutturazione fa parte di un piano di risparmio di costi per complessivi 2 miliardi di euro annunciato nel 2009. Entro il 2013, sanofi aventis dovrà affrontare la scadenza del brevetto di farmaci che oggi costituiscono il 25% del fatturato aziendale. Tra essi il più importante è l'antiaggregante Plavix, un farmaco con vendite mondiali per 9 miliardi di dollari che in Usa viene commercializzato congiuntamente con Bristol-Myers Squibb. Altri faramci importanti, il cui brevetto è in scadenza sono Lovenox (anticoagulante) e and Eloxatin (cancro al colon).

Per controbilanciare la scadenza dei brevetti e l'inevitabile calo delle vendite di questi farmaci, oltre a ridurre i costi, sanofi sta cercando di acquisire la biotech Genzyme. Lo scorso 4 ottobre l'azienda transalpina ha lanciato un'OPA ostile offrendo 69 dollari per ogni azione di Genzyme, pari a 18,5 miliardi di dollari.