Infezione da Clostridium Difficile, stop a sviluppo vaccino di Sanofi

Sanofi ha reso noto di aver deciso di interrompere lo sviluppo di un vaccino diretto contro il Clostridium difficile, agente patogeno causa di infezioni gravi e difficili da debellare e in una quota non secondaria, anche fatali.

Sanofi ha reso noto di aver deciso di interrompere lo sviluppo di un vaccino diretto contro il Clostridium difficile, agente patogeno causa di infezioni gravi e difficili da debellare e in una quota non secondaria, anche fatali.

La decisione è stata presa sulla base dei dati preliminari di un ampio trial di fase III che ne facevano presagire l’insuccesso. Denominato Cdiffense, lo studio avrebbe dovuto arruolate circa 15mila partecipanti.
Il Credit Suisse aveva stimato che il vaccino di Sanofi, quello in fase più avanzata di sviluppo, avrebbe potuto generare vendite annue per oltre $500 mln l’anno.

Le tossine prodotte da ceppi di Clostridium difficile nel tratto gastrointestinale provocano la colite pseudomembranosa, tipicamente dopo terapia antibiotica. I sintomi sono diarrea, talora ematica, che raramente progredisce verso la sepsi e l'addome acuto. La diagnosi viene posta mediante l'identificazione della tossina di C. difficile nelle feci. Il trattamento di prima linea si basa su metronidazolo o vancomicina.

Ogni anno, circa tre milioni di americani sono contagiati batterio - noto anche come C. diff - che si diffonde principalmente attraverso ospedali, case di cura e studi medici. Si stima che ogni anno fino a 30mila americani muoiano a causa del batterio, solitamente dopo recidive di infezione. Le infezioni sono tipicamente il risultato dell' assunzione di antibiotici, che eliminano i batteri amichevoli nel colon che normalmente mantengono C. diff sotto controllo. Sanofi ha dichiarato che continuerà a concentrarsi su altri sei progetti di sviluppo di vaccini.

Questa è una buona notizia per Pfizer il cui vaccino anti C difficile, noto con la sigla PF-06425090, è entrato in Fase III, dopo aver superato la Fase II. Il vaccino di Pfizer stimola una risposta anticorpale contro le due principali tossine prodotte dal batterio (tossina A e B).

In lizza c’è anche un terzo vaccino per il C. Difficile, sviluppato dalla piccola biotech francese Valneva, che ha completato la Fase II con uno studio su oltre 500 partecipanti.

Non è stata una settimana positiva per il gigante francese che pochi giorni fa ha comunicato che il suo vaccino sperimentale contro il Dengue sarà rigorosamente limitato a causa di prove che può peggiorare la malattia in persone che non sono state precedentemente esposte al virus trasmesso dalla zanzara.

Dengvaxia di Sanofi è il primo vaccino approvato per prevenire l'infezione da Dengue, che uccide circa 20mila persone l' anno e infetta centinaia di milioni di persone.