Boehringer Ingelheim Italia SpA ha comunicato di aver firmato l'accordo di cessione dello stabilimento dell'Istituto De Angeli alla società francese Fareva. Attivo dal  1972 a Reggello vicino a Firenze, lo stabilimento impiega 280 persone e produce 90 milioni di confezioni l'anno.
Questa operazione rappresenta un importante passo nel progetto di valorizzazione del sito che dovrà diventare un'impresa  specializzata nella produzione di farmaci per conto terzi.

La firma del contratto tra Boehringer Ingelheim e Fareva è avvenuta oggi, mentre il passaggio effettivo avverrà entro la fine di giugno. "Il sito di Reggello è stato ceduto al gruppo industriale che ha presentato il piano di investimenti per lo sviluppo delle sue attività più efficace nel cogliere le potenzialità delle persone che vi lavorano e dell'area in cui è localizzato" ha dichiarato Sergio Daniotti, Country Manager del Gruppo Boehringer Ingelheim Italia. Boehringer Ingelheim contribuisce a dare continuità alle attività del sito di Reggello. Il passaggio di proprietà prevede che per i prossimi 5 anni lo stabilimento continui la produzione di specialità farmaceutiche Boehringer Ingelheim per il mercato italiano ed europeo.  Al contempo la nuova proprietà assicura gli investimenti necessari e garantisce  l'occupazione odierna del sito.

Boehringer Ingelheim sarà il primo cliente della nuova proprietà. Fareva è un gruppo imprenditoriale privato fondato in Francia nel 1991. E' specializzato nella produzione per conto terzi in vari settori industriali: prodotti per la casa, alimentari, cosmetici, principi attivi e farmaci. Si tratta di un gruppo industriale presente principalmente in Europa con 22 siti, occupa più di 4mila persone, è in forte crescita ed ha in corso altre acquisizioni.