Janssen restituisce ad Amgen i diritti su fulranumab (anti NGF)

A seguito di una revisione delle proprie prioritā strategiche, Janssen ha deciso di restituire ad Amgen i diritti per lo sviluppo di fulranumab per il trattamento del dolore da artrosi. Fulranumab č un anticorpo monoclonale ricombinante umano che neutralizza in modo specifico le azioni biologiche dell'NGF umano.

A seguito di una revisione delle proprie priorità strategiche, Janssen ha deciso di restituire ad Amgen i diritti per lo sviluppo di fulranumab per il trattamento del dolore da artrosi.

Fulranumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umano che neutralizza in modo specifico le azioni biologiche dell’NGF umano.

Amgen aveva dato il farmaco in licenza a Janssen nel 2008. Poi, nel 2011, l’Fda aveva deciso l’interruzione dello sviluppo di questo farmaco, e dell’intera classe degli anti NGF (che comprende anche tanezumab di Pfizer). Poi questo stop è stato interrotto e gli studi sono ripresi, ma evidentemente per Janssen il farmaco adesso ha perso di interesse.

Il Nerve growth factor è una proteina segnale coinvolta nello sviluppo del sistema nervoso nei vertebrati. Indirizza e regola la crescita degli assoni, tramite meccanismi di segnalazione cellulare.

L'NGF fu scoperto negli anni 50 da Rita Levi-Montalcini, che per circa trent'anni ha condotto studi su questa molecola proteica e sul suo meccanismo d'azione. Per queste ricerche, nel 1986 la scienziata è stata insignita del Premio Nobel per la Medicina.