J&J mette le mani su farmaco per ipertensione resistente di Idorsia, spin-off di Actelion

Johnson & Johnson ha deciso di supportare lo sviluppo e la commercializzazione di un farmaco sperimentale studiato per l'ipertensione resistente sviluppato da Idorsia, la societŕ svizzera nata a seguito dello spin off di Actelion Pharmaceuticals. Quest'ultima, con un esborso di $30 miliardi lo scorso mese di giugno č stata interamente acquisita da parte di J&J.

Johnson & Johnson ha deciso di supportare lo sviluppo e la commercializzazione di un farmaco sperimentale studiato per l'ipertensione resistente sviluppato da Idorsia, la società svizzera nata a seguito dello spin off di Actelion Pharmaceuticals. Quest'ultima, con un esborso di $30 miliardi lo scorso mese di giugno è stata interamente acquisita da parte di J&J.

All’interno di Idorsia sono confluiti una serie di farmaci sperimentali di Actelion per i quali era stato difficile trovare un accordo con JnJ sul loro effettivo valore. Actelion aveva preferito farli confluire in una nuova società della quale JnJ detiene il 16% con una opzione su un altro 16%. Quotata alla borsa svizzera, Idorsia è stata dotata inizialmente di un capitale cash di circa 1 miliardo di dollari e di una pipeline di farmaci in stadio di sviluppo iniziale e intermedio.

In questi giorni Janssen Biotech, ramo farmaceutico di J&J, ha esercitato un'opzione da 230 milioni di dollari per acquisire i diritti di commercializzazione in tutto il mondo di aprocitentan, un farmaco per l'ipertensione resistente.

Idorsia ottiene subito 160 milioni di dollari e i restanti 160 nel corso dei prossimi tre anni e mezzo; l'accordo di acquisizione di 30 miliardi di dollari di J&J con Actelion includeva infatti un'opzione su aprocitentan, uno dei quattro farmaci in fase 2 della pipeline di Idorsia.

Aprocitentan è un doppio antagonista orale del recettore dell'endotelina che all'inizio di quest'anno ha completato uno studio di Fase 2 su pazienti con ipertensione essenziale. Idorsia sta lavorando per avviare uno studio di Fase 3 su pazienti con ipertensione resistente.

In base agli accordi, Idorsia sarà responsabile della gestione dello studio programmato di Fase 3 e della sottomissione regolatoria per l'ipertensione resistente, ma i costi saranno equamente condivisi con Janssen  (il braccio farmaceutico di JnJ) che si farà carico dei test avanzati e della documentazione per l’approvazione di eventuali ulteriori indicazioni.

L’antagonista del recettore dell'endotelina
Il nuovo farmaco è un metabolita di macitentan, a sua volta evoluzione di bosentan ampiamente utilizzato per la terapia dell’ipertensione arteriosa polmonare, ed è in sviluppo per il trattamento dei pazienti con ipertensione resistente.

L' ipertensione resistente è definita come pressione sanguigna sistemica elevata persistente (cioè l'incapacità di abbassare la pressione sanguigna a una soglia predefinita) nonostante la somministrazione simultanea di almeno tre terapie antiipertensive di diverse classi farmacologiche a dosi massime o ottimali, compreso un diuretico. L' ipertensione resistente è associata aun maggior rischio di malattie cardiovascolari. I pazienti con ipertensione resistente hanno anche maggiori probabilità di avere una storia medica di malattie renali croniche e diabete mellito, amplificando la loro vulnerabilità e la complessità del trattamento.

Aprocitentan è il più atteso dei candidati di Idorsia. Lo scorso maggio Actelion ha pubblicato i risultati di uno studio di Fase 2 di dose-finding in cui il farmaco è stato confrontato con placebo e un attivo in pazienti con ipertensione essenziale.

Lo studio ha arruolato 490 pazienti che hanno ricevuto placebo, 20 mg di lisinopril o uno dei quattro dosaggi di aprocitentan valutati: 5 mg, 10 mg, 25 mg e 50 mg. I risultati hanno mostrato che dopo otto settimane di trattamento, la riduzione media dal basale della pressione diastolica era compresa tra 6,3 e 12,0 mmHg nei pazienti che ricevevano aprocitentan a vari dosaggi. Secondo Actelion la performance del farmaco si è dimostrata statisticamente significativa in modo dose-dipendente, e ha superato sia la riduzione pressoria osservata nel gruppo placebo (4,9 mmHg) sia quella nel gruppo lisinopril (8,4 mmHg).

Le riduzioni della pressione sanguigna sistolica variavano da 10,3 a 18,5 mmHg in modo statisticamente significativo in funzione del dosaggio nei gruppi aprocitentan e sono stati rispettivamente 7,7 e 12,8 mmHg nei gruppi placebo e lisinopril.

Dal punto di vista della sicurezza, il braccio placebo ha avuto tassi di interruzione più elevati rispetto al braccio sperimentale. Ci sono stati due casi di aumento degli enzimi epatici almeno tre volte superiori al limite superiore del range normale, uno dei quali era nel gruppo aprocitentan 5 mg; si sono verificati quattro casi di edema periferico, due nel gruppo aprocitentan 25 mg e due nel gruppo aprocitentan 50 mg.

Soddisfazione di Idorsia
Jean-Paul Clozel, CEO di Idorsia e fondatore di Actelion, ha commentato: «mi rallegro della decisione di Janssen di collaborare allo sviluppo di aprocitentan. Rappresenta un forte sostegno per il nostro prodotto. Insieme possiamo accelerare le prossime fasi di sviluppo e portare questo composto ai pazienti che hanno bisogno di nuove opzioni terapeutiche il più rapidamente possibile».

«Con questa decisione, Janssen ha riconosciuto il potenziale di aprocitentan, l'ultimo prodotto derivante da uno sforzo di ricerca iniziato quasi 30 anni fa e che ha portato a un'ampia comprensione del sistema endotelinico e di due antagonisti del recettore dell'endotelina sul mercato," ha dichiarato lo scorso 4 dicembre Martine Clozel, il responsabile scientifico e co-fondatore di Idorsia. "Si possono immaginare molte altre potenziali applicazioni per aprocitentan, oltre all'ipertensione. Per questo riteniamo la collaborazione con Janssen ancora più significativa.»

Come conseguenza dell'annuncio, le azioni di Idorsia sono aumentate del 3,9% cento e complessivamente hanno raddoppiato il loro valore dall'inizio della quotazione di borsa, lo scorso mese di  giugno.

Oltre ai fondi appena ricevuti, Idorsia potrebbe anche ottenere le royalties sulle vendite potenziali di aprocitentan. Royalties che sarebbero del 20% per vendite annuali fino a 500 milioni di dollari, 30% tra 500 milioni e 2 miliardi e 35% se superiori ai 2 miliardi.