La società Johnson & Johnson ha deciso una riduzione della propria forza lavoro negli Usa di 900 unità.
I tagli saranno concentrati nella forza vendita della divisione farmaceutica Ortho-McNeil-Janssen. 
A livello mondiale il gruppo J&J comprende oltre 250 società operative e occupa circa 119mila persone.

Le cause della ristrutturazione sono da ricercarsi nella scadenza brevettuale di alcuni farmaci (Risperdal, Topamax),  e nella conseguente forte riduzione del loro fatturato, ma anche nel cambio del modello di business.
Il medico americano è infatti sempre meno propenso a comunicare con gli informatori medici: dati recenti indicano che solo il 20% delle visite si conclude con un breve colloquio fra medico e informatore, mentre nella maggior parte dei casi l'informatore si limita a lasciare al personale infermieristico materiale informativo e campioni di medicinali.