E' dura e in salita la strada del biotech, anche di quello nostrano. Per una società che ce la fa, molte si perdono per strada. Potrebbe essere questo il caso di Bioxell, la biotech con sede nel parco scientifico del San Raffaele di Milano che ha appena comunicato i dati di chiusura del 2009: perdite per 13,8 miliardi di euro su un giro d'affari di appena 1,3 milioni.

L'italiana Cosmo Pharmaceuticals, che ha il 98,96% delle azioni di BioXell, ha comunicato che intende mettere quest'ultima in liquidazione.
All'inizio del 2009 Bioxell ha dovuto interrompere lo sviluppo del suo candidato farmaco di punta, l'elocalcitolo, in sperimentazione per la vescica iperattiva. Il farmaco era già arrivato in fase IIb.

Cosmo Pharmaceuticals è una società italiana con sede a Lainate (Mi), nata nel 1997 da uno spin off di Parke Davis. Nel 2009 ha fatturato 26,7 milioni di euro guadagnandone 4. E' specializzata in farmaci gastrointestinali e in produzione conto terzi.