Business

L'acquisizione di Sobi non va avanti, la societÓ svedese resta indipendente

Le societÓ di private equity Advent International e Aurora Investment hanno ritirato la loro offerta per acquisire la svedese Orphan Biovitrum (Sobi), citando un basso livello di accettazione da parte degli azionisti della casa farmaceutica. Le due societÓ finanziare hanno comunicato che avrebbero potuto raccogliere circa l'87,3% delle azioni di Sobi in circolazione sulla base delle condizioni presentate nell'offerta, un livello inferiore al 90% che le due societÓ avevano fissato come obiettivo minimo.

Le società di private equity Advent International e Aurora Investment hanno ritirato la loro offerta per acquisire la svedese Orphan Biovitrum (Sobi), citando un basso livello di accettazione da parte degli azionisti della casa farmaceutica. Le due società finanziare hanno comunicato che avrebbero potuto raccogliere circa l'87,3% delle azioni di Sobi in circolazione sulla base delle condizioni presentate nell'offerta, un livello inferiore al 90% che le due società avevano fissato come obiettivo minimo.

Citando fonti che hanno familiarità con la questione, Bloomberg fa sapere che AstraZeneca ha mantenuto la sua partecipazione dell'8% in Sobi, bloccando di fatto l'acquisizione da parte di Advent e Aurora.

La relazione di AstraZeneca con Sobi risale al 2018, quando la casa farmaceutica britannica ha venduto alla società svedese i diritti statunitensi del suo farmaco respiratorio pediatrico Synagis (palivizumab), un trattamento per il virus respiratorio sinciziale. AZ aveva ricevuto un pagamento anticipato di 1,5 miliardi di dollari, che includeva 1 miliardo di dollari in contanti e 500 milioni di dollari in azioni Sobi, o l'8% delle azioni in circolazione.

Quando le trattative per l'acquisto di Sobi sono diventate pubbliche, AstraZeneca si è preoccupata che una Sobi di proprietà di società di private equity sarebbe stata successivamente venduta, il che avrebbe potuto mettere i diritti di Synagis nelle mani dei suoi concorrenti.

Le stesse fonti hanno aggiunto che l'azienda britannica starebbe anche cercando di acquistare alcune attività da Sobi. Le azioni dell'azienda svedese sono scese fino al 24% sulla notizia.

A settembre, Advent e Aurora hanno presentato un'offerta di acquisizione di 235 corone svedesi (25,81 dollari) per azione in contanti, valutando Sobi a circa 69,4 miliardi di corone (7,6 miliardi di dollari). All'epoca, il consiglio di amministrazione della casa farmaceutica aveva raccomandato all'unanimità agli azionisti di accettare l'offerta, che rappresentava un premio di circa il 34,5% rispetto al prezzo di chiusura delle azioni il giorno prima che le voci di acquisizione emergessero in agosto.

L'offerta aveva anche il sostegno di due degli azionisti di Sobi, Investor AB e Fjärde AP-Fonden, che hanno una quota combinata di circa il 42%. In una dichiarazione di venerdì, il presidente di Sobi Håkan Björklund ha detto "abbiamo creduto nel merito strategico della transazione... ma sono gli azionisti che decidono questo, non c'è molto altro da dire su questo".

L'analista di Handelsbanken Mattias Haggblom ha suggerito che AstraZeneca potrebbe essere interessata a un certo numero di farmaci di Sobi, anche se dopo la sua recente acquisizione di Alexion Pharmaceuticals per 39 miliardi di dollari, la casa farmaceutica britannica ha probabilmente troppo debito per un buyout a breve termine della società. Tuttavia, l'analista ha detto che AstraZeneca potrebbe eventualmente fare un approccio in un paio d'anni.

L'azienda svedese era stata essa stessa un dealmaker attivo negli ultimi anni, acquisendo nel 2018 i diritti completi su Gamifant, un farmaco commercializzato per una malattia infiammatoria rara e pericolosa per la vita. Lo stesso anno, ha stipulato un accordo da 1,5 miliardi di dollari in contanti e azioni con AstraZeneca, dando a Sobi la proprietà di due farmaci per le infezioni del tratto respiratorio inferiore causate da un certo tipo di virus.

Questi accordi hanno giocato in una ristrutturazione che Sobi iniziato a metà del 2018, che ha dato la priorità alle malattie ematologiche rare e ai disturbi immunitari che erano avanzati nelle fasi successive della sperimentazione umana. Alla fine del 2019, l'azienda aveva fatto un passo avanti in questa strategia acquistando Dova Pharmaceuticals e il suo farmaco approvato Doptelet.

Ora, Sobi vanta più di una dozzina di prodotti in commercio e una pipeline che comprende tre programmi di medio livello e quattro programmi in fase avanzata. L'azienda ha registrato un fatturato di 1,7 miliardi di dollari.

"Il consiglio di amministrazione ed io abbiamo fiducia nella visione di Sobi: Essere riconosciuti come leader globale nelle malattie rare", ha detto Håkan Björklund, presidente del consiglio di amministrazione, in una dichiarazione del 3 dicembre. "Abbiamo fatto passi importanti verso questa visione negli ultimi anni, e siamo orgogliosi dei chiari progressi fatti".

Il consiglio di amministrazione di Sobi ha sostenuto l'offerta pubblica di Advent e GIC. Anche Investor AB, una società d'investimento e holding svedese e uno dei maggiori azionisti di Sobi.

"Sotto la nostra proprietà, Sobi ha costruito un franchise leader nell'emofilia con grande beneficio per i pazienti e ha ampliato il suo portafoglio di prodotti in ematologia e immunologia, organicamente e attraverso importanti acquisizioni", ha detto Johan Forssell, CEO di Investor AB, in una dichiarazione. "Il nostro obiettivo è ora quello di continuare a creare valore a lungo termine per gli azionisti di Sobi".

Le azioni Sobi, che scambiano alla borsa di Stoccolma, venerdì mattina hanno perso circa un quarto del loro valore, con scambi a circa 170 corone svedesi ciascuna.


SEZIONE DOWNLOAD