La danese Leo Pharma ha fatto sapere di essere alla ricerca di nuovi partner, globali o locali, al fine di ottimizzare la propria pipeline che è interamente focalizzata sui farmaci dermatologici. Lo ha reso noto Kristian Lykke Fick, a capo del corporate business development.

L’Fda ha da poco approvato Picato (ingenolo mebutato in gel), un trattamento topico efficace contro la cheratosi attinica su viso, cuoio capelluto, tronco ed estremità. Le altre terapie topiche attualmente disponibili per la malattia hanno svantaggi notevoli, tra cui una lunga durata del trattamento e, di conseguenza, reazioni locali prolungate, che potrebbe potrebbero influire negativamente sull'aderenza alla terapia.

Lo scorso mese di gennaio, l’azienda ha siglato un accordo con la biotech americana Virobay per sviluppare un nuovo farmaco orale contro la psoriasi. Leo Pharma ha pagato 7 milioni in cash per il farmaco, ancora in fase preclinica, e l’accordo prevede pagamenti fino a 300 milioni di dollari qualora lo sviluppo venisse completato

Tutte le opportunità al di sopra dei 75 milioni di dollari, sono giudicate interessanti. L’azienda è alla ricerca di di farmaci in varie fasi di sviluppo e anche di nuovi sistemi per il rilascio di farmaci. Leo Pharma vuole entrare anche in altri segmenti del mercato della dermatologia, come quello dell’acne rosacea, vitiligine, tumori della pelle e malattie orfane a carico della pelle.

Ogni anno Leo Pharma valuta circa 500 nuove opportunità commerciali, della quali almeno 100 sono giudicate interessanti per poter procedere a una trattativa. Alla fine solo una decina entrano in una fase concreta di negoziazione. Per l’anno in corso l’azienda conta di siglare due o tre accordi significativi.

Leo Pharma  è una società danese leader nel settore dermatologico e in particolare nella cura della psoriasi nata più di cent’anni fa in Danimarca e che occupa oltre 5000 persone in  61 paesi. Nel 2010 il fatturato globale di Leo Pharma si è attestato a 1,39 miliardi di euro. Il capitale e il controllo dell’azienda farmaceutica danese è totalmente detenuto dalla Leo Pharma Foundation. La società è la terza azienda farmaceutica della Danimarca, dopo H. Lundbeck e Novo Nordisk.