Lilly lancerÓ 20 nuovi prodotti in 10 anni

Nel corso di una presentazione alla comunitÓ degli investitori, John C. Lechleiter, chief executive officer di Eli Lilly and Company, ha dichiarato che l'azienda americana ha il potenziale per lanciare 20 nuovi prodotti i un periodo di 10 anni a partire dal 2014 e che si estendono fino al 2023. Durante lo stesso periodo di tempo, ogni anno Lilly potrebbe lanciare una media di due nuove indicazioni o estensioni di linea per i prodotti giÓ approvati.

Nel corso di una presentazione alla comunità degli investitori, John C. Lechleiter, chief executive officer di Eli Lilly and Company,  ha dichiarato che l’azienda americana  ha il potenziale per lanciare 20 nuovi prodotti i un periodo di 10 anni a partire dal 2014 e che si estendono fino al 2023. Durante lo stesso periodo di tempo, ogni anno Lilly potrebbe lanciare una media di due nuove indicazioni o estensioni di linea per i prodotti già approvati.

"Siamo lieti di condividere con gli investitori l'ampiezza e la profondità della pipeline di Lilly, che mette in mostra il nostro progresso attraverso le nostre aree terapeutiche chiave. Questo include i lanci recenti, nonché una linea robusta di attività in fase avanzata di sviluppo o già in esame da parte delle autorità regolatorie internazionali , "ha dichiarato Lechleiter "Non ci sono garanzie data la natura della scienza e quella della nostra attività, ma nel guardare i nostri recenti lanci e le pipeline atytuale, crediamo di essere nel bel mezzo del periodo più prolifico di nuovi lanci nella nostra azienda di 140 anni di storia. "

Gli sforzi della R & S di Lilly si concentrano su cinque aree terapeutiche in cui la società ha mezzi e capacità per competere con successo. Questi includono quattro principali aree in cui la società è già presente -diabete, oncologia, immunologia e neurodegenerazione- e uno emergente, il dolore. "Abbiamo migliorato la produttività e il successo della nostra pipeline attraverso azioni volte a migliorare attenzione, qualità e velocità, e posizionando noi stessi come un partner interessante per opportunità di innovazione esterne", ha detto Jan Lundberg, Ph.D., vice presidente esecutivo di la scienza e la tecnologia e presidente dei Lilly Research Laboratories. "Questi miglioramenti hanno portato alla possibilità senza precedenti di una produzione in termini di R & S."

Diabete L’impegno di Lilly in questa area è di lunga data e risale al 1923, quando è stata la prima azienda a rendere disponibile  l'insulina per i pazienti diabetici. Oggi, l'azienda ha la più ampia gamma di terapie del diabete.
Gli sforzi di R & S di Lilly si focalizzano su terapie differenziate e dispositivi di somministrazione all'interno di tre aree di bisogni insoddisfatti: il controllo del glucosio, controllo metabolico e protezione d'organo. L'azienda mira a combinare le sue forti capacità di R & S, con una rete esterna completa per fornire continua innovazione in questo importante settore della terapia.

Oncologia Lilly ha una lunga storia di leadership in oncologia. L'azienda dispone di un equilibrato approccio di ricerca e sviluppo in tre aree chiave di modifica della malattia: di segnalazione delle cellule tumorali, microambiente tumorale e immuno-oncologia. Questo approccio consente la sperimentazione di combinazioni di agenti per affrontare l'eterogeneità del tumore e la resistenza ai farmaci. Lilly ha un portafoglio di attività differenziate attraverso questi approcci, tra cui Cyramza (ramucirumab), Portrazza (necitumumab), olaratumab e abemaciclib. Il portafoglio immuno-oncologia di Lilly potrà contare su cinque molecole in sperimentazione clinica entro la fine del 2016 e ben 11 per la fine del 2018.

Immunologia Con il recente lancio di Taltz (ixekizumab) e la presentazione di baricitinib per la revisione delle autorità regolatorie, Lilly ha designato come l'immunologia più recente area terapeutica cardine della società. Mentre queste attività rappresentano la fondamentale prima ondata di innovazione, Lilly ha costruito una solida pipeline concentrandosi sulle vie principali e gli interventi in più malattie autoimmuni.

Neurodegenerazione L'impegno di Lilly per la malattia di Alzheimer è dimostrato dai suoi oltre 25 anni di ricerca e sviluppo nel campo. Come risultato di questo sforzo, Lilly oggi ha uno dei portafogli di Alzheimer più complete del settore, con sette molecole già in sperimentazione umana. La ricerca della società nell’ Alzheimer comprende la prevenzione della malattia, la diagnosi e il trattamento.

Dolore Il dolore è un'area di ricerca emergente per Lilly, che si sta concentrando su un trattamento per il dolore cronico non a base di oppioidi. I due farmaci innovativi in fase avanzata attualmente in sviluppo sono galcanezumab (anticorpo monoclonale diretto contro il CGRP (acronimo dall'inglese Calcitonin Gene Related Peptide), in fase di studio per la cefalea a grappolo ed emicrania, e tanezumab, in fase di studio per il dolore l'artrosi, mal di schiena cronico e dolore da cancro, un farmaco sviluppato in collaborazione con Pfizer.