Luca Gentile Public Affairs & Communications Director di Takeda Italia

Business

Takeda Italia annuncia la nomina di Luca Gentile nel ruolo di Public Affairs & Communications Director, carica che intende massimizzare il potenziale e il valore aggiunto della nuova Takeda nel settore biofarmaceutico, a conclusione dell'integrazione con Shire Italia.

Takeda Italia annuncia la nomina di Luca Gentile nel ruolo di Public Affairs & Communications Director, carica che intende massimizzare il potenziale e il valore aggiunto della nuova Takeda nel settore biofarmaceutico, a conclusione dell’integrazione con Shire Italia.

Con un’esperienza decennale in società di beni di consumo, Gentile ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità nazionale e internazionale, nello sviluppo commerciale di progetti, e nella gestione delle relazioni esterne e della comunicazione.

In Takeda dal 1° aprile, Gentile si inserisce nella strategia aziendale volta a rafforzare il dialogo con le Istituzioni e i principali stakeholder di riferimento, oltre che per consolidare il ruolo di interlocutore chiave per il Sistema Sanitario Italiano con l'obiettivo di riassegnare alla ricerca medico-scientifica un ruolo centrale nelle politiche di sviluppo e di investimento del Paese. Il manager ha fatto sapere che si impegnerà a costruire un dialogo responsabile con Governo, Istituzioni e società, investendo in settori strategici quali ricerca e sviluppo, medicina d’avanguardia e servizi innovativi.

“Questa nomina si inserisce con coerenza all’interno della nuova fase che Takeda ha appena inaugurato nella sua storia in Italia.” – ha commentato Rita Cataldo, Amministratore Delegato Takeda Italia.  “Completata l’integrazione con Shire, consolidiamo il nostro ruolo nel panorama biofarmaceutico e il nostro impegno nel mettere a disposizione competenze e capacità per garantire ai pazienti nuove soluzioni terapeutiche, servizi di supporto innovativi e soluzioni digitali. Per fare ciò, riconosciamo l’importanza di valorizzare strategiche partnership con le Istituzioni”.