Maggioranza di Recordati ceduta al fondo CVC. Affare da $3,5 mld

Un consorzio di fondi di investimento guidato da CVC Capital Partners ha accettato di acquistare il 51,8% del gruppo farmaceutico italiano Recordati in un'operazione del valore di circa 3 miliardi di euro (3,5 miliardi di dollari). Il consorzio acquisirà la maggioranza di Recordati dalla FIMEI, la holding finanziaria della famiglia Recordati, al prezzo di 28 euro per azione.

Un consorzio di fondi di investimento guidato da CVC Capital Partners ha accettato di acquistare il 51,8% del gruppo farmaceutico italiano Recordati in un'operazione del valore di circa 3 miliardi di euro (3,5 miliardi di dollari).  Il consorzio acquisirà la maggioranza di Recordati dalla FIMEI, la holding finanziaria della famiglia Recordati, al prezzo di 28 euro per azione.

I compratori progettano di lanciare un'offerta di acquisizione per l'azienda italiana a 28 euro per azione quando la transazione si chiude, ha detto.

L’azienda nel suo complesso è valorizzata 5,85 miliardi. L'accordo è condizionato unicamente all'ottenimento delle necessarie autorizzazioni antitrust. ll prezzo è  lontano dai massimi di inizio novembre a 40,46 euro, quando il gruppo capitalizzava quasi 8,5 miliardi di euro.

Recordati ha chiuso il primo trimestre 2018 con 366,5 milioni di euro di ricavi, un EBITDA di 134,4 milioni. Il gruppo aveva invece chiuso il 2017 con 1,288 miliardi di euro di ricavi (+11,6%), un EBITDA di 454,7 milioni (+22,5%) e un utile netto di 288,8 milioni (+21,6%).

Fondata nel 1926 a Correggio in provincia di Reggio Emilia, la Recordati parte da una farmacia con il suo laboratorio per diventare una società da 1,28 miliardi di ricavi. Una crescita alimentata anche dalle tante acquisizioni che si sono susseguite e che sono state agevolate dalla quotazione in Borsa che risale al 1984. Al fondatore, Giovanni,  succedette Arrigo, capoazienda dal 1953, artefice dello sviluppo e della quotazione in Piazza Affari. Negli anni successivi l'azienda venne presa in mano dal figlio Giovanni, fino alla scomparsa di quest'ultimo.

Mentre Andrea Recordati, a cui CVC ha chiesto di continuare a guidare l’azienda e il suo management, ha dichiarato di aver incontrato «un gruppo di investitori di alto profilo per continuare a sviluppare la società negli anni a venire». Ha poi aggiunto che nel processo di selezione «del partner migliore per far ulteriormente crescere Recordati  è stato importante trovare una parte che permettesse alla società di rimanere indipendente, con continuità per il management e gli altri dipendenti, e di accelerare la sua strategia di crescita attraverso acquisizioni. Pertanto ho scelto di reinvestire personalmente in questa operazione, a fianco degli investitori».