Malattie infettive, accordo Sanofi - Evotec per sviluppare nuovi antibiotici

La tedesca Evotec e la francese Sanofi stanno negoziando la creazione di una piattaforma di open innovation per la ricerca e sviluppo di nuovi antibiotici vicino a Lione, in Francia, guidata da Evotec. Secondo l'accordo, quest'ultima riceverÓ la licenza di gran parte della ricerca di Sanofi sulle malattie infettive e del suo portafoglio in fase precoce di sviluppo. L'operazione dovrebbe concludersi entro la prima metÓ dell'anno.

La tedesca Evotec e la francese Sanofi stanno negoziando la creazione di una piattaforma di open innovation per la ricerca e sviluppo di nuovi antibiotici vicino a Lione, in Francia, guidata da Evotec. Secondo l’accordo, quest’ultima riceverà la licenza di gran parte della ricerca di Sanofi sulle malattie infettive e del suo portafoglio in fase precoce di sviluppo. L’operazione dovrebbe concludersi entro la prima metà dell’anno.

Sanofi pagherà in anticipo 60 milioni di euro per sostenere la ricerca, e trasferirà alla società tedesca 10 delle sue attività sulle malattie infettive, insieme a circa 100 dipendenti, ma manterrà alcune opzioni di sviluppo e commercializzazione. La collaborazione si concentrerà sulla scoperta di nuovi antimicrobici con nuovi meccanismi d'azione e nuovi farmaci antivirali.

L’accordo non include il business dei vaccini di Sanofi, una delle principali fonti di reddito per l’azienda, ma non l'unico settore promettente. La loro unità di malattie rare, sotto lo stendardo di Sanofi Genzyme, ultimamente è stata molto attiva.

Con questa operazione Sanofi si allontana dalla gestione diretta delle aree terapeutiche che si sono rivelate meno redditizie, per concentrare le risorse verso le aree di forza. Una tendenza già osservata per altre grandi compagnie farmaceutiche, che puntano a consolidare le loro attività in poche aree chiave.

«Sanofi ha una storia lunga e consolidata nella lotta contro le malattie infettive, e noi continuiamo a impegnarci per affrontare le sfide della salute globale attraverso i nostri sforzi nello sviluppo e i vaccini» ha dichiarato Elias Zerhouni, presidente della ricerca e sviluppo globale di Sanofi.
«La ricerca nel campo degli anti-infettivi è un'area in cui la costruzione di una massa critica attraverso una collaborazione è particolarmente importante. Questo nuovo centro di open innovation con sede in Francia, beneficerà di un ecosistema scientifico di alta qualità».

L’open innovation
Oltre a essere un paradigma che permette alle aziende di essere più competitive, sta diventando un’espressione sempre più diffusa e utilizzata. Ma cosa significa esattamente? L’open innovation (“innovazione aperta”) è un modello di innovazione secondo il quale le imprese, per creare più valore e competere meglio sul mercato, non possono basarsi soltanto su idee e risorse interne ma hanno il dovere di ricorrere anche a strumenti e competenze tecnologiche che arrivano dall’esterno, in particolare da startup, università, istituti di ricerca, fornitori, inventori, programmatori e consulenti.

La scoperta di farmaci tramite l’impiego di un modello di open innovation, come quello previsto dall'accordo, è una tendenza che sta prendendo piede. Queste alleanze possono aiutare a scoprire sovrapposizioni scientifiche precedentemente sconosciute e che non sono immediatamente evidenti.

Un bisogno quasi disperato di nuovi antibiotici
Le malattie infettive causate dai batteri stanno diventando sempre più resistenti a molti antibiotici, e qualsiasi loro impiego ne riduce ulteriormente l'efficacia per altri pazienti. L'Oms ha ritenuto che la resistenza agli antibiotici sia oggi una delle tre maggiori minacce per la salute umana. Quasi un milione di persone ogni anno muoiono a causa di infezioni resistenti. Se non vengono trovate adesso delle soluzioni a questo problema, si stima che entro il 2050, 10 milioni di vite umane all'anno e 100.000 miliardi di dollari di risorse economiche saranno a rischio.

Werner Lanthaler, amministratore delegato di Evotec, ha commentato: «dall'acquisizione di Euprotec (una CRO inglese, ndr), Evotec ha avuto un significativo interesse strategico e ha dimostrato competenza nella ricerca sulle malattie infettive, con l'ambizione di crescere e diventare un leader nella scoperta e dello sviluppo di farmaci in questo settore insieme ai suoi partner. Siamo lieti di lavorare e ampliare il nostro rapporto strategico con Sanofi, che ha una lunga storia nel fornire nuovi agenti anti-infettivi ai mercati di tutto il mondo. Trovare un modo per stimolare maggiori finanziamenti pubblici e iniziative accademiche per il progresso dei nuovi anti-infettivi sulla piattaforma di Evotec, saranno un fattore chiave per il successo di questa iniziativa».

Evotec
E’ un'alleanza per lo sviluppo farmaceutico focalizzata su approcci di prodotto innovativi in rapida evoluzione con importanti aziende farmaceutiche e biotecnologiche, accademici, gruppi di difesa dei pazienti e fondi di venture capital.
Le soluzioni per la scoperta di farmaci sono fornite sotto forma di alleanze integrate per la scoperta di farmaci, partnership per lo sviluppo, licenze di farmaci candidati innovativi e accordi di consulenza.
L'azienda opera in tutto il mondo e vanta esperti scientifici e tecnologie all'avanguardia, e competenze terapeutiche chiave nei settori delle neuroscienze, del diabete e delle sue complicanze, del dolore e dell'infiammazione, dell'oncologia e delle malattie infettive.