Il Consiglio di Amministrazione di Bristol-Myers Squibb Italia ha affidato a Mario Gargiulo l'incarico di Amministratore Delegato della Divisione Industriale. Il manager entra a far parte del Cda dell'azienda. Sotto la leadership di Gargiulo, il sito di Anagni di cui è responsabile, ha ottenuto oltre 100 milioni di euro di investimenti in innovazione, sicurezza e salvaguardia dell'ambiente.

“E’ un incarico prestigioso che sono onorato di assumere – ha dichiarato Mario Gargiulo - Sono molto orgoglioso dei risultati ottenuti in questi anni nello stabilimento di Anagni che si è distinto in Italia e in tutta Europa per la qualità, l’innovazione, l’efficienza del servizio al cliente e la competitività nell’offerta”. Gargiulo ha aggiunto: ”La sfida sarà di continuare a garantire la produttività e la competitività del sito, così da mantenere vivo l’interesse del Gruppo a credere nel nostro Paese pur nella complessità del sistema italiano e della governance dello sviluppo industriale”.

Anagni rappresenta oggi l’unico polo di Bristol-Myers Squibb fuori dagli Stati Uniti per i farmaci strategici dell’azienda, designato anche per quelli in pipeline e per i farmaci frutto di alleanze con importanti gruppi farmaceutici.

Gargiulo, 45 anni, napoletano, sposato, 4 figli, subito dopo gli studi in Chimica all’Università di Napoli è entrato nel settore farmaceutico con incarichi di crescente responsabilità nelle aree Operations, Supply Chain e Quality in importanti realtà industriali. Approda in Bristol-Myers Squibb  nel 2005 come Pharmaceutical Operations per diventare due anni dopo Vice President e Direttore Generale dello stabilimento di Anagni.

Il sito di Anagni
Anagni oggi produce 1.400 tipi diversi di confezioni con oltre 100 milioni di fiale e flaconi e 300 milioni di compresse ogni anno. È un realtà industriale importante nel tessuto del territorio italiano e  del Lazio, impiega 700 persone e vanta tecnologie all’avanguardia per la tutela dell’ambiente e della sicurezza ed è in possesso della certificazione ambientale secondo le norme ISO 14001 e gli Standard OHSAS 18001 per la protezione della salute e sicurezza dei lavoratori.

Il sito, certificato dall’EMA autorità regolatoria europea e dall’FDA americana,  risponde e soddisfa le regolamentazioni dei paesi verso i quali esporta: i farmaci che escono dallo stabilimento italiano sono infatti destinati a più di 60 paesi pari al 90% delle attività dello stabilimento.

Anagni è strategico per la fornitura dei farmaci frutto della ricerca Bristol-Myers Squibb (dasatinib, entecavir, abatacept, saxagliptin apixaban e aripiprazolo) ai mercati EU. Fornisce inoltre l’80% della produzione mondiale di paracetamolo per infusione.

Inoltre lo stabilimento è stato designato per la fornitura in tutto il mondo (eccetto USA) dei nuovi farmaci in fase avanzata di registrazione e/o sviluppo (ipilimumab, dapagliflozin, brivanib e belatacept) e dei farmaci in pipeline nelle aree strategiche di ricerca quali la terapia del diabete, gli antitumorali non citotossici e cardiovascolari.

Di recente è stata inaugurata la White Line, linea di confezionamento disegnata per poter far fronte in maniera efficiente alla produzione di piccoli volumi azzerando il tempo fermo della macchina grazie alla stampa on line dei materiali di confezionamento. L’impiego  della White line oggi  consente di essere competitivi in termini di efficienza, qualità ed è  per la prima volta utilizzata nel settore farmaceutico in Italia.