Business

Menarini fa shopping in Usa e acquisisce  la biotech Stemline. Affare da $677mln

Menarini ha acquisito la biotech americana Stemline Therapeutics nell'ambito di una transazione del valore di 677 milioni di dollari. Ha così ottenuto i diritti di Elzonris (tagraxofusp), una terapia diretta al CD123 e attualmente approvata negli Stati Uniti per il trattamento di pazienti adulti e pediatrici, di due anni o più, con neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi (BPDCN).

Menarini ha acquisito la biotech americana Stemline Therapeutics nell'ambito di una transazione del valore di 677 milioni di dollari. Ha così ottenuto i diritti di Elzonris (tagraxofusp), una terapia diretta al CD123 e attualmente approvata negli Stati Uniti per il trattamento di pazienti adulti e pediatrici, di due anni o più, con neoplasia a cellule dendritiche plasmacitoidi (BPDCN).

"Stemline è un'ottima soluzione per Menarini, che ci permette di espandere la nostra presenza negli Stati Uniti con un'affermata azienda biofarmaceutica focalizzata sullo sviluppo di terapie oncologiche", ha commentato Elcin Barker Ergun, Ceo di Menarini. La società è stata fondata nel 2003 e ha sede a New York.

Secondo i termini dell'accordo, Menarini offrirà agli azionisti di Stemline un corrispettivo potenziale totale di 12,50 dollari per azione, che consiste in un pagamento anticipato di 11,50 dollari in contanti e un diritto di valore contingente (CVR) del valore di 1,00 dollari in contanti per azione. Il CVR sarà pagabile al completamento della prima vendita di Elzonris in Francia, Germania, Italia, Spagna o Regno Unito dopo l'approvazione della Commissione Europea il 31 dicembre del prossimo anno o prima di tale data.

L'operazione è stata approvata all'unanimità dai consigli di amministrazione di entrambe le società, e si prevede che l'operazione si concluda nel secondo trimestre.

Il farmaco è anche in fase di valutazione in studi clinici in ulteriori indicazioni, tra cui la leucemia mielomonocitaria cronica (CMML), la mielofibrosi (MF) e la leucemia mieloide acuta (AML).

Tra le altre indicazioni aggiuntive: SL-701 (immunoterapia; completata la fase 2 nei pazienti affetti da glioblastoma), SL-801 (felezonexor, inibitore XPO1; in corso la fase 1 nei pazienti con tumore solido avanzato), SL-901 (nuovo inibitore della chinasi; precedente abbreviazione europea della fase 1, studi di abilitazione IND in corso), e SL-1001 (nuovo inibitore della chinasi RET, studi di abilitazione IND in corso).

La pipeline di Stemline comprende i seguenti farmaci: SL-701 (immunoterapia; completata la fase 2 nei pazienti affetti da glioblastoma), SL-801 (felezonexor, inibitore XPO1; in corso la fase 1 nei pazienti con tumore solido avanzato), SL-901 (nuovo inibitore della chinasi; precedente abbreviazione europea della fase 1, studi di abilitazione IND in corso), e SL-1001 (nuovo inibitore della chinasi RET, studi di abilitazione IND in corso).


SEZIONE DOWNLOAD