Ariad Pharmaceuticals e Merck & Co hanno siglato una nuova intesa per lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione dell'antitumorale sperimentale ridaforolimus, un inibitore della proteine mTOR (mammalian target of rapamycin). Si tratta in realtà di una revisione dei termini di una partenrship già avviata tra le due compagnie nel luglio 2007. Lo ha reso noto Ariad, azienda americana specializzata in farmaci oncologici, con base a Cambridge, nel Massachusetts.

Ariad ha ceduto a Merck i diritti esclusivi per lo sviluppo e la commercializzazione del farmaco. Nel vecchio accordo, invece, i diritti erano condivisi equamente dalle due aziende.
In cambio, Ariad riceverà un pagamento anticipato di 50 milioni di dollari e riceverà un rimborso per le spesi sostenute finora per lo sviluppo di ridaforolimus, stimate intorno ai 19 milioni di dollari. Potrà inoltre ricevere fino a 514 milioni di dollari al raggiungimento di determinate tappe chiave nell'iter regolatorio e specifici traguardi di vendita. Per esempio, 65 milioni potrebbero arrivare dall'approvazione del farmaco nei mercati statunitense, europeo e giapponese per il trattamento del sarcoma, indicazione per la quale ridaforolimus ha già raggiunto la fase III.

D'ora in avanti Merck si accollerà tutte le spese per l'ulteriore sviluppo, le approvazioni regolatorie, la produzione e la commercializzazione del farmaco.
Ariad, dal canto suo, potrà ora dirottare le sue risorse sull'avvio di uno studio pivotal su un altro farmaco sperimentale ritenuto promettente - AP24534 - un inibitore della proteina di fusione BCR-ABL, e sul proseguimento dello sviluppo di AP26113, inibitore sperimentale della proteina ALK..

Ridaforolimus è un inibitore di mTOR attualmente oggetto di sviluppo per diverse indicazioni. Il farmaco è stato testato nello studio di fase III SUCCEED su pazienti con sarcoma osseo e dei tessuti molli metastatico, che hanno risposto alla chemioterapia. I risultati completi del trial sono attesi entro la fine dell'anno. Inoltre, è in studio - al momento in fase II - anche per il trattamento dei tumori dell'endometrio, della prostata e del polmone non a piccole cellule.