Si rafforza l'impegno di Merck & e Co. in oncologia. In occasione del congresso dell'American Society of Clinical Oncology (ASCO), in corso a Chicago, l'azienda ha annunciato il lancio del Merck Oncology Collaborative Trials Network. Si tratta di una rete per la realizzazione di studi clinici che coinvolgerà centri di ricerca leader in campo oncologico e si concentrerà sullo sviluppo dei vaccini e dei farmaci antitumorali sperimentali di Merck. Obiettivo di fondo dell'operazione: dare un colpo di acceleratore alla sperimentazione di questi farmaci.

Il network, che comprende 15 centri in Nord America, Sud America, Europa e Asia, disegnerà ed eseguirà studi fino alla fase IIa sui candidati antitumorali di Merck. Nelle previsioni della società farmaceutica, ogni anno dovrebbero essere arruolati circa 1.200 pazienti in 30-40 studi clinici, sia spontanei che sponsorizzati dall'azienda.

All'ASCO saranno presentati anche nuovi dati su farmaci  sperimentali in fase iniziale di sviluppo, in particolare tre presentazioni orali, tra cui una sull'inibitore orale di mTOR ridaforolimus in combinazione con l'anticorpo monoclonale dalotuzumab in pazienti con tumori solidi in stadio avanzato.