La francese NicOx ha annunciato oggi che ha deciso di acquisire il 100 % delle azioni di Eupharmed, una società oftalmica italiana a capitale privato, attraverso la cessione di un controvalore di € 3,5 milioni in azioni di nuova emissione, oltre a una potenziale ulteriore pagamento legata al raggiungimento di determinati obiettivi di business.

L'acquisizione fornisce a Nicox una piattaforma di marketing in Italia insieme con un ampio portafoglio di prodotti per la cura degli occhi. Nel 2012, Eupharmed ha avuto un fatturato di € 3,6 mld, e nel 2013 prevede di raggiungere vendite di circa € 3,9 mld.

L'acquisizione fa parte della strategia di Nicox di creare una propria infrastruttura di vendita nei cinque principali mercati europei e negli Stati Uniti.

Philippe Masquida , Vice Presidente Esecutivo e Amministratore Delegato di operazioni europee ed internazionali di Nicox Pharma , ha commentato. "L'acquisizione di Eupharmed è un importante passo verso il raggiungimento del nostro obiettivo di costruire una gamma di prodotti Nicox e una presenza commerciale nei cinque mercati più grandi d'Europa. Eupharmed ha una in rapida crescita di affari con un buon portafoglio di prodotti per la cura degli occhi lanciati di recente e una squadra che copre il mercato italiano. L’Italia è uno dei maggiori mercati per i prodotti oftalmici in Europa , con un fatturato annuo di  €430 mld. Diamo il benvenuto a Eupharmed e siamo ansiosi di lavorare con loro sul lancio di prodotti futuri, tra cui AdenoPlus".

Eupharmed è una società farmaceutica italiana di proprietà privata fondata nel 2001 e con sede a Pero, Milano. Eupharmed è una branca del Gruppo Petrone. La sua struttura operativa comprende 23 manager con attività commerciale su base regionale. Eupharmed commercializza un ampio portafoglio di prodotti oftalmici in Italia, che comprende i prodotti farmaceutici, dispositivi medici e nutraceutici.

Il portafoglio di Eupharmed include lacrime artificiali (Theradrop, Theragel), antibiotici (Eukinoft), antinfiammatori non steroidei ( Dropflam), associazione fissa di steroidi antibiotici (Eucombidex), steroidi (Eucortex) , antiallergici (Eustamyl) e nutraceutici (Zared, Eukom) Eupharmed dispone di una gamma di nuovi prodotti nella sua pipeline di sviluppo e commercializza anche prodotti di terzi nel quadro di accordi di distribuzione.

Raffaele Petrone , Amministratore Delegato del Gruppo Petrone, ha commentato:  "Credo che questa acquisizione porterà grandi benefici a Eupharmed e significativamente aiutare la sua posizione e la crescita in Italia e in Europa Questo accordo all- share dimostra la nostra fiducia nella strategia a lungo termine di Nicox e il potenziale della sua crescente pipeline di prodotti . Questa è una misura eccellente per Eupharmed " .

NicOx sta costruendo un portafoglio diversificato di terapie per la cura degli occhi e strumenti diagnostici , attraverso in-licensing , co -promozione e l'acquisizione di beni. Nel 2012 , Nicox acquisito i diritti per AdenoPlus , un test rapido point- of-care diagnostica che aiuta nella diagnosi differenziale di congiuntivite acuta . AdenoPlus è disponibile in Europa e marchio CE . Nei prossimi mesi , sarà lanciato in Italia attraverso la forza vendita Eupharmed acquisite e negli altri principali mercati europei . NicOx ha già avviato AdenoPlus negli Stati Uniti . Nel primo trimestre del 2014 , Nicox prevede inoltre di lanciare una nuova gamma di prodotti per la cura degli occhi differenziati in Europa destinati a un importante classe terapeutica nell'ambito di un accordo di distribuzione con un'altra azienda farmaceutica europea privata, accordo del quale per ora non sono stati resi noti i dettagli.

Con sede nel parco tecnologico di Sophia-Antipolis, nell'entroterra della cittadina francese di Antibes, NicOx è stata fondata dagli italiani Mario del Soldato e Michele Garufi. Quest'ultimo è l'amministratore delegato della società che è quotata alla borsa di Parigi. L'azienda ha anche una sede in Italia, a Bresso.

L’azienda è nata con la messa a punto di naproxcinod, il capostipite di una nuova classe di inibitori della ciclossigenasi noti come CINOD (Cyclooxygenase-Inhibiting Nitric Oxide-Donator class of anti-inflammatory agents), che rilasciano ossido nitrico. Grazie a un ponte chimico brevettato, la molecola di naproxene è agganciata a un radicale NO3, capace di rilasciare lentamente nell'organismo l'ossido nitrico, una sostanza dalle note proprietà vasodilatatrici altrimenti estremamente instabile. Il rilascio di NO determina il mantenimento della perfusione e dell'integrità tissutale e causa una migliorata tollerabilità gastrica e un positivo effetto sui valori pressori.

Il farmaco però è stato bocciato in Usa e anche in  Europa. Sembrava la fine della società che invece ha deciso di puntare tutte le sue risorse in ambito oculistico continuando a lavorare sulla propria tecnologia dei donatori di NO ma anche attraverso partnership e acquisizioni.

NicOx sta sviluppando altri Cinod anche attraverso la collaborazione con altre società farmaceutiche. Con Bausch + Lomb, NicOx ha un accordo per Latanoprostene bunod un "nitric oxide donating prostaglandin F2-alpha analoge" noto anche con la sigla BOL-303259-X, che viene studiato in fase III per la cura del glaucoma.

Con Merck and Co. ha un accordo per sviluppare nuovi antiipertensivi che sfruttano la tecnologia di donazione dei gruppi NO. Un precedente accordo con Pfizer è stato interrotto dopo il fallimento di due studi di fase II. Con il gruppo Ferrer c'è anche un accordo per formulazioni topiche di naproxcinod.

Se c’è una morale in questa storia è quella che non  bisogna mai arrendersi e anche quelle che sembrano sconfitte brucianti devono essere accettate e valutate per trovarvi delle opportunità.