Si dovrebbe essere conclusa con un accordo extragiudiziale del valore di 75 milioni di dollari la causa sull'antibiotico Trovan che contrappone Pfizer allo stato di Kano, situato nella parte nord della Nigeria.
Lo stato africano aveva intentato causa a Pfizer chiedendo un risarcimento di 2 miliardi di dollari a compensazione dei danni riportati da alcuni bambini curati con l'antibiotico Trovan (trovafloxacina) durante un'epidemia di meningite che aveva colpito il paese nel 1996.  Pfizer ha sempre negato ogni addebito sostenendo che era stata la meningite a causare i danni e non l'antibiotico.
Formalmente la conciliazione sarà siglata il prossimo 30 luglio, ma le parti si sono già accordate, ha affermato  Aliyu Umar, avvocato delle vittime e consigliere dello stato di Kano. Gli avvocati dello stato africano dovrebbero ritirare la denuncia durante un'udienza fissata il prossimo 6 agosto.
Circa 35 milioni di dollari andrebbero alle famiglie dei bambini danneggiati,  altri 30 verrebbero destinati alla realizzazione di centri di cura e attività assistenziali e circa 10 andrebbero allo stato di Kano come rimborso per le spese legali sostenute per la causa.

Nella prima metà del 1996, la Nigeria fu colpita da una grave epidemia di meningite. In circa 6 mesi si ammalarono circa 110mila persone e i decessi furono oltre 12mila. Il tasso di mortalità iniziale fu quasi del 20%, poi scese al 10,7%.
Il farmaco era stato utilizzato nel corso di uno studio in cui erano stati coinvolti 200 bambini, di cui metà trattati con trovafloxacina e l'altra metà con ceftriaxone. 

Secondo quanto sostenevano gli avvocati del paese africano, il farmaco, avrebbe determinato il decesso di almeno 5 bambini  e numerosi casi di malformazioni, mentre 6 decessi si verificarono nel gruppo di controllo, trattato con ceftriaxone. Non è mai stato possibile stabilire con certezza se le morti furono dovute agli effetti collaterali del farmaco oppure a una complicanza della meningite.
Inoltre, secondo l'accusa, Pfizer non avrebbe ottenuto l'autorizzazione del Ministero della Sanità della Nigeria e non esisterebbe la documentazione sul consenso allo studio da parte delle famiglie. Pfizer ha documentato almeno 12 autorizzazioni da parte di diversi enti governativi.
Nel dicembre 1997, il farmaco ebbe l'autorizzazione dell'Fda, ma solo per i pazienti adulti. Successivamente, l'Fda ha iniziato a ricevere segnalazioni di gravi reazioni epatiche in associazione all'uso del prodotto. Nel giugno 1998, l'Fda ha modificato la scheda tecnica di Trovan, inserendo un warning sulla tossicità epatica del farmaco.  In Usa il farmaco è ancora in commercio, con restrizioni d'uso. In Europa il Chmp qualche anno fa ne ha sospeso la vendita. Nel nostro paese non è mai stato messo in commercio.