E' sempre più attiva la ricerca di nuovi antibiotici in grado di agire nelle infezioni ospedaliere  che si stima siano causa di circa 150mila morti ogni anno, tra Usa ed Europa.
Novartis ha appena siglato un accordo di collaborazione con la società americana a capitale privato Paratek Pharmaceuticals per acquisire i diritti di sviluppo su un nuovo antibiotico conosciuto per ora con la sigla PTK 0796. Il farmaco è attualmente in fase III e viene sviluppato per la terapia di infezioni ospedaliere complicate, come quelle sostenute da Stafilococco Aureo Meticillino-Resistente (MRSA) e dallo Streptococcus pneumoniae multiresistente (MDRSP).
Novartis riconoscerà Paratek Pharmaceuticals un pagamento immediato, di importo non precisato, per l'acquisizione dei diritti mondiali sul farmaco, condividerà i costi per lo sviluppo clinico e darà seguito a pagamenti successivi al raggiungimento di milestones prefissate.
PTK 0796, che appartiene alla nuova classe delle aminometicicline,  è il primo antibiotico ad ampio spettro che agisce su Gram positivi e negativi e germi anaerobi che può essere somministrato per infusione endovenosa giornaliera della durata di 30 minuti o sotto forma di compresse studiato per le infezioni complicate della pelle e dei tessuti molli. Finora è stato studiato in oltre 500 pazienti, evidenziando un favorevole profilo di tollerabilità. Altri studi sono pianificati per altre indicazioni.

In uno studio di fase II condotto su 188 pazienti, dei quali il 50% aveva infezioni sostenute da MRSA,  l'antibiotico PTK 0796 ha determinato una percentuale di successi clinici del 98% verso il 93% ottenuto con linezolid. Inoltre, in questo studio PTK 0796 è stato somministrato in monoterapia mentre linezolid è stato associato a un altro antibiotico per i Gram negativi.
Novartis accresce così il proprio portfolio di farmaci per le infezioni ospedaliere. Già oggi l'azienda può contare su  daptomycin (Cubicin), il primo antibiotico della classe dei lipopetidi. Inoltre, Novartis nel giugno del 2008 ha acquisito i diritti su  razupenem, il primo carbapenem iniettabile attivo su infezioni da MRSA, attualmente in fase II.