La società farmaceutica Sandoz, la divisione del gruppo Novartis dedicata ai farmaci generici e ai biosimilari, ha reso noto di aver acquisito  Oriel Therapeutics, una società americana a capitale interamente privato specializzata nella produzione di farmaci generici per il sistema respiratorio. Oriel entrerà a far parte del gruppo Sandoz come divisione a sè stante. I termini economici dell'accordo non sono stati resi noti.

Oriel è specializzata nello sviluppo di farmaci per le patologie respiratorie, in particolare l'asma e la Bpco. L'azienda ha in corso tre progetti di ricerca finalizzati ad altrettanti farmaci di riferimento in quest'area.

Inoltre, Oriel ha messo a punto una tecnologia per il delivery dei farmaci assunti per via inalatoria, nota come FreePath technology. In questo modo, Sandoz conta di superare gli ostacoli di tipo regolatorio posti dall'Fda per la registrazione dei farmaci di questo tipo.

Secondo stime dell'IMS, la società leader mondiale nelle ricerche di mercato nel settore farmaceutico, entro il 2016 circa il 50% dei farmaci per la cura delle patologie respiratorie perderà la copertura brevettuale. Attualmente questi farmaci registrano vendite annue per circa 32 miliardi di dollari.
Tra i farmaci che da qui al 2016 perderanno la copertura brevettuale in uno o più paesi vi sono fluticasone/ salmeterolo, budesonide/formoterolo, montelukast e tiotropio bromuro.

L'acquisizione rafforzerà ulteriormente Sandoz in questo settore, un'area nella quale l'azienda aveva già investito pesantemente. Nel 2009 l'azienda ha inaugurato un nuovo centro di produzione di 10mila m2 situato all'interno del Center of Excellence di Rudolstadt, in Germania.
Inoltre, nel corso del 2009, in numerosi paesi europei Sandoz ha messo in commercio la versione generica di salbutamolo, il primo generico per uso inalatorio approvato secondo le nuove linee guida europee.