Riorganizzazione del business per Novartis che ha appena siglato un accordo con Meda alla quale ha venduto i diritti mondiali per Elidel (pimecrolimus crema 1%), un farmaco immunosopressivo indicato per il trattamento di seconda linea della dermatite atopica.

L’accordo prevede un pagamento di 420 milioni di dollari, dei quali 345 milioni saranno riconosciuti entro la fine del 2011 e la parte restante entro i due anni successivi. A sua volta, Meda sta trattando con Valeant per cederle i diritti sul farmaco nel Nord America, dove l’azienda canadese ha una presenza più consolidata.

Lo scorso anno, Elidel ha generato un fatturato di 120 milioni di euro, principalmente in Usa e Nord America. I brevetti sul farmaco scadranno solo nel 2025, quindi la sua vita commerciale è ancora lunga. Inoltre, fa notare Meda, il farmaco potrebbe essere sviluppato anche in altre condizioni dermatologiche.

Novartis ha deciso di focalizzarsi in alcune aree nelle quali è l’azienda è maggiormente competitiva e dove ha farmaci in sviluppo. La dermatologia non è tra quelle e la cessione di Elidel ne è la conseguenza. Al contrario, Meda è ben presente in dermatologia con i farmaci della linea Betadine e con l’immunomodulatore imiquimod venduto con il marchio Aldara.