Novo Nordisk ha annunciato che interromperà tutte le attività di ricerca e sviluppo nel campo dei disordini infiammatori dopo la recente decisione di arrestare  lo sviluppo del suo anti IL-20 per il trattamento dell’artrite reumatoide. Il farmaco era la molecola più avanti nello sviluppo clinico in quest’area.

La decisione dell’azienda avrà un impatto su 400 dipendenti impegnati in questa area terapeutica, più della metà dei quali andranno a ricoprire posizioni interne. Novo Nordisk ha aggiunto che a causa dell’interruzione delle attività di ricerca e sviluppo nell’area delle malattie infiammatorie le verrà addebitato un importo di circa 123 milioni di dollari nel 2014.

L’azienda ha affermato di voler continuare a focalizzarsi nell’area della prevenzione e del trattamento del diabete, dell’obesità e delle complicanze della malattia.