Diabete - Endocrinologia

Obesità, promette bene in fase Ib il doppio agonista di Roche CT-388. Il titolo vola in borsa

Genentech, società interamente controllata da Roche, ha presentato i dati di Fase Ib per CT-388, il suo trattamento sperimentale per la perdita di peso, dimostrando che un'iniezione sottocutanea una volta alla settimana può ridurre significativamente il peso corporeo in adulti sani affetti da obesità.

Genentech, società interamente controllata da Roche, ha presentato i dati di Fase Ib per CT-388, il suo trattamento sperimentale per la perdita di peso, dimostrando che un'iniezione sottocutanea una volta alla settimana può ridurre significativamente il peso corporeo in adulti sani affetti da obesità.

Dopo 24 settimane di follow-up, CT-388 ha ridotto il peso corporeo del 18,8% rispetto al placebo. L'effetto è stato statisticamente significativo, con un valore di p inferiore a 0,001, secondo quanto annunciato da Genentech. Inoltre, il 100% dei pazienti trattati ha mostrato una perdita di peso superiore al 5% a 24 settimane, mentre il 45% dei partecipanti ha perso più del 20% del proprio peso corporeo.

Un'analisi di sottogruppo ha anche mostrato che tutti i partecipanti pre-diabetici all'inizio dello studio hanno raggiunto livelli normali di glucosio nel sangue dopo 24 settimane di trattamento, mentre quelli del gruppo placebo non hanno registrato cambiamenti significativi nello stato glicemico.

In termini di sicurezza, CT-388 è stato ben tollerato, con la maggior parte degli effetti collaterali classificati come di gravità lieve o moderata. Non sono stati riscontrati segnali di sicurezza inattesi e il profilo degli eventi avversi di CT-388 è risultato coerente con quello di altri farmaci della classe delle incretine.

Levi Garraway, CMO e responsabile dello sviluppo globale dei prodotti di Roche, in un comunicato ha definito i dati di giovedì “estremamente incoraggianti” per CT-388 e “sottolineano ulteriormente il suo potenziale di diventare una terapia best-in-class con perdita di peso e controllo del glucosio duraturi”. L'azienda continuerà a sviluppare il candidato come trattamento per l'obesità e il diabete di tipo 2.

Sviluppato inizialmente da Carmot Therapeutics, CT-388 è un doppio agonista dei recettori GLP-1 e GIP che non mostra alcun reclutamento o reclutamento minimo di proteine β-arrestina, che altrimenti interferirebbero con le cascate di segnalazione a valle dei recettori e smorzerebbero gli effetti terapeutici complessivi del trattamento dell'obesità.

Il meccanismo d'azione di CT-388 gli consente di prevenire o ridurre la desensibilizzazione al trattamento, prolungando la sua attività farmacologica. CT-388 è progettato per essere somministrato tramite un'iniezione sottocutanea una volta alla settimana.

Roche ha acquisito Carmot per 2,7 miliardi di dollari nel dicembre 2023 e sta attualmente conducendo uno studio di Fase I in più parti e in più coorti su CT-388 in pazienti sovrappeso o obesi con o senza diabete.

Oltre a CT-388, l'accordo con Carmot ha permesso a Roche di ottenere altri promettenti candidati per l'obesità, tra cui CT-868, un agonista di fase II dei recettori GLP-1 e GIP, ma concepito per un'iniezione sottocutanea giornaliera. Roche possiede anche il CT-996, un agonista orale di piccole molecole del GLP-1 in fase iniziale.

La notizia di giovedì fa di Roche un potenziale concorrente nel lucrativo mercato dell'obesità, attualmente dominato da Wegovy (semaglutide) di Novo Nordisk e Zepbound (tirzepatide) di Eli Lilly. Nonostante gli sforzi compiuti dai due leader per aumentare le loro capacità produttive, entrambi non sono ancora in grado di tenere il passo con il vorace appetito del mercato per i trattamenti per la perdita di peso, causando una prolungata carenza di farmaci.