Business

Patologie infiammatorie, per $721mln Amgen acquista la biotech americana Rodeo

Amgen sta acquisendo la Rodeo Therapeutics con sede a Seattle. Rodeo sviluppa farmaci a piccole molecole che promuovono la rigenerazione e la riparazione di vari tessuti.

Amgen sta acquisendo la Rodeo Therapeutics con sede a Seattle. Rodeo sviluppa farmaci a piccole molecole che promuovono la rigenerazione e la riparazione di vari tessuti.

Secondo i termini dell'accordo, Amgen sta comprando tutte le azioni in circolazione di Rodeo con un pagamento anticipato di 55 milioni di dollari. Inoltre, ci sono potenziali pagamenti di milestones che potrebbero raggiungere 666 milioni di dollari in contanti. L'accordo è stato approvato dagli azionisti e dal consiglio di amministrazione di Rodeo.

"Siamo entusiasti che Amgen riconosca il valore potenziale e il profilo differenziato del nostro programma incentrato sull’inibitore di 15-PGDH", ha detto Thong Q. Le, presidente e amministratore delegato di Rodeo. "Con decenni di esperienza nello sviluppo, produzione e commercializzazione di terapie innovative per i pazienti che soffrono di una vasta gamma di malattie e condizioni immunologiche, Amgen è idealmente posizionata per far avanzare rapidamente il nostro programma nella clinica".

Rodeo è stata fondata nel 2017 da Joseph Ready, Sanford Markowitz e Stanton Gerson e Accelerator Life Science Partners (ALSP). Fin dalla sua fondazione, la società è stata gestita esclusivamente da ALSP.

Il focus iniziale dell’azienda era sulle malattie infiammatorie intestinali e la promozione della ricostituzione delle cellule del sangue dopo il trapianto di midollo osseo. La pipeline dell'azienda mira alla prostaglandina, una famiglia di molecole di segnalazione associate alla riparazione e alla rigenerazione dei tessuti. Il loro prodotto principale in sviluppo blocca la 15-prostaglandina deidrogenasi (15-PDGH), un enzima che scompone la prostaglandina. In studi preclinici il farmaco sembra proteggere contro la colite e la fibrosi polmonare idiopatica, una malattia rara e fatale che comporta la cicatrizzazione dei polmoni. Sembra anche promuovere la degenerazione del fegato.

"L'enzima 15-PGDH gioca un ruolo chiave in molti processi rilevanti per la malattia, come l'autorinnovamento delle cellule staminali e la riparazione della barriera epiteliale", ha detto Raymond Deshais, vicepresidente senior della ricerca globale di Amgen. "Dati i dati preclinici incoraggianti fino ad oggi, siamo entusiasti dell'opportunità di sviluppare una nuova terapia con potenziale in una serie di importanti indicazioni di malattie infiammatorie".

Rodeo ha annunciato il 31 agosto 2020 di aver scelto RTX-1688 come candidato principale per lo sviluppo, per le malattie infiammatorie intestinali. Il farmaco aveva dimostrato una significativa efficacia in monoterapia in un modello di malattia infiammatoria intestinale indotta da lesioni, oltre a caratteristiche favorevoli in vitro e in vivo. Hanno pianificato di studiarlo da solo e in combinazione con i farmaci anti-infiammatori esistenti.

L'accordo di oggi segue un accordo molto più grande che Amgen ha annunciato il 4 marzo, comprando Five Prime Therapeutics per 38 dollari per azione in contanti per un valore azionario di circa 1,9 miliardi di dollari. Five Prime è un'azienda di oncologia, con il suo asset principale, bemarituzumab, un anticorpo anti-FGFR2b primo della classe e pronto per la fase III. Il farmaco ha avuto risultati positivi in uno studio di Fase II nel cancro gastrico avanzato o nella giunzione gastroesofagea (GEJ). Bemarituzumab ha come bersaglio FGFR2b, che è sovraespresso in circa il 30% dei tumori gastrici non-HER2-positivi, oltre ad altri tumori solidi.

Al momento della diffusione della notizia, Robert A. Bradway, presidente e amministratore delegato di Amgen, ha dichiarato: "L'acquisizione di Five Prime offre ad Amgen un'opportunità irresistibile di rafforzare il nostro portafoglio oncologico con una promettente risorsa globale in fase avanzata per il trattamento del cancro gastrico. Non vediamo l'ora di dare il benvenuto al team Five Prime in Amgen e di lavorare con loro per sfruttare le nostre migliori capacità di produzione di anticorpi monoclonali per fornire ulteriori materiali clinici, così come maggiori quantità di produzione, per realizzare il più rapidamente possibile il pieno potenziale di bemarituzumab per ancora più pazienti in tutto il mondo".
 


SEZIONE DOWNLOAD