Pfizer, aumentano le vendite ma utile in calo

Pfizer ha chiuso il quarto trimestre 2015 con un utile in calo del 50% rispetto allo stesso periodo 2014. Crescono invece le vendite con +7%. Per il 2016 le attese della compagnia sono inferiori a quelle previste dagli analisti

Pfizer ha chiuso il quarto trimestre 2015 con un utile in calo del 50% rispetto allo stesso periodo 2014. crescono invece le vendite con +7%. per il 2016 le attese della compagnia sono inferiori a quelle previste dagli analisti
Pfizer ha annunciato che nel quarto trimestre del 2015 il suo utile netto, pari a 613 milioni di dollari, o 10 centesimi per azione, è calato del 50% rispetto agli 1,23 miliardi, o 19 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'anno precedente.

Secondo quanto riporta l’azienda, sono cresciute invece le vendite, che battono le attese segnando un +7% a oltre 14 miliardi, spinte dalla crescita operativa del business prodotti innovativi (+22%). Escludendo le voci straordinarie, tra cui l'acquisizione di Hospira, l'utile è stato di 53 centesimi per azione, uno in più rispetto alle previsioni.

Per l’intero esercizio 2015, l’utile netto ha superato i 7,7 miliardi di dollari (-15% rispetto all’anno precedente), su un fatturato di oltre 48,8 miliardi (-2%), e l’utile per azione è risultato pari a 1,24 dollari (-13%). Al netto delle componenti straordinarie, l’utile netto segna un -5% a quasi 13,8 miliardi, l’utile per azione un -3% a 2,20 dollari.

La società ha avvertito che le perdite valutarie in Venezuela avranno anche quest’anno un impatto significativo sui suoi conti. Pfizer prevede per il 2016 un utile adjusted tra 2,20 e 2,30 dollari per azione e ricavi tra 49 e 51 miliardi. Gli esperti avevano previsto un utile di 2,38 per azione e ricavi di circa 53 miliardi.